Martedì, 27 Luglio 2021
Politica

Milano, mini rimpasto nella giunta comunale: il sindaco Sala nomina due nuovi assessori

Al posto di Carmela Rozza va Anna Scavuzzo, a sua volta sostituita da Laura Galimberti

Cambi in corsa, necessari, a Palazzo Marino. E quadratura del cerchio trovata, almeno per ora. 

Lunedì sera, il sindaco di Milano, Beppe Sala, ha annunciato i nomi di due "nuovi" assessori della sua giunta, che aveva perso un pezzo dopo la decisione di Carmela Rozza - ex assessore alla Sicurezza - di candidarsi al Pirellone, dove è poi stata eletta

"A seguito dell’approvazione del bilancio preventivo 2018-2020 in Consiglio comunale, ho riunito la giunta e i rappresentanti dei gruppi di maggioranza - le parole del primo cittadino su Facebook -. In primo luogo ho comunicato la mia decisione di affidare le deleghe relative alla Sicurezza alla vicesindaco Anna Scavuzzo. Sono certo che Anna, con il suo equilibro e la sua esperienza, farà un ottimo lavoro su una tematica così rilevante".

Il posto della Scavuzzo è stato invece affidato a "Laura Galimberti, che - ha spiegato Sala - è reduce da una significativa esperienza tecnica come coordinatrice della struttura di missione di Palazzo Chigi sull’edilizia scolastica". 

"Chiamerò tutta la mia giunta alla conferma della volontà sempre espressa - ha assicurato il primo cittadino -, ma anche a una maggiore incisività dell’azione, sentendomi sempre il primo responsabile della qualità dei risultati raggiunti e in dovere di intervenire quando necessario".

Lo stesso sindaco, poi, ha tracciato la via per il futuro. "Per ciò che riguarda l’indirizzo politico nei prossimi mesi e anni, più in generale, abbiamo condiviso la necessità di lavorare ancora di più e meglio sul tema delle periferie e del sostegno alle fasce più deboli. In particolare sulle periferie, ho chiesto ai miei assessori di produrre rapidamente un piano di azione che contenga misure significative e verificabili, a partire da un più rapido recupero degli appartamenti di edilizia popolare attualmente non assegnabili perché richiedenti una azione di manutenzione straordinaria e da un modello di gestione delle piccole manutenzioni, che garantisca una maggiore rapidità di intervento". 

"Siamo consci - ha concluso Sala - che il problema delle periferie è più ampio e articolato, che c’è una chiara istanza di rafforzamento della sicurezza sociale, ma siamo però fortemente convinti che entro la fine del mandato si potranno apprezzare risultati significativi delle nostre politiche". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, mini rimpasto nella giunta comunale: il sindaco Sala nomina due nuovi assessori

MilanoToday è in caricamento