Politica

L'assessore Massari si dimette: due donne lo accusano di molestie sessuali

Due lettere, di due donne diverse, sul tavolo della Moratti, spingono il sindaco a chiedere le dimissioni del responsabile dell'ambiente. Dopo qualche titubanza arrivano le dimissioni

Nessuna denuncia, ma due lettere, indirizzate a Letizia Moratti, hanno acceso un nuovo caso al Comune di Milano. Un caso che ha portato in mattinata alle dimissioni dell'assessore all'Ambiente, Paolo Massari (Pdl).

Il caso era esploso dopo che sul tavolo del sindaco, secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, sono giunte due lettere una scritta da una dirigente del Consolato norvegese (membro di una missione diplomatica a Milano) e una da una dipendente del Comune. In entrambe le lettere Massari sarebbe accusato di molestie sessuali dalle due donne.

La Moratti gli avevo chiesto immediatamente di rimettere le deleghe. Dopo un'iniziale titubanza Massari con una nota, diffusa intorno alle 11.30 ha comunicato il suo disimpegno: "Partendo dal presupposto che sono totalmente estraneo alle infanganti ipotesi prospettate dai media - spiega Massari - non voglio coinvolgere le istituzioni che fino ad oggi ho rappresentato con un'accusa personale. Da parte mia farò di tutto e in tutte le sedi per dimostrare la falsità delle accuse che sono state mosse nei miei confronti. Il sindaco Moratti - conclude - mi ha confermato che manterrà personalmente le mie deleghe, pronta a riaffidarmele dopo il chiarimento della situazione".

La Moratti ha così commentato le dimissioni: " Prendo atto delle dimissioni di Massari e mi auguro che faccia chiarezza su questa vicenda".


Massari, in consiglio Comunale dal 1997, prima nei banchi di Forza Italia e poi del Pdl, era stato nominato assessore lo scorso novembre, dopo che erano state revocate le deleghe al suo predecessore, Edoardo Croci.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'assessore Massari si dimette: due donne lo accusano di molestie sessuali

MilanoToday è in caricamento