rotate-mobile
Politica

Anche Stefano Parisi al corteo del 25 Aprile. Brigata Ebraica contestata ma riesce a sfilare

Le solite contestazioni dei centri sociali con slogan contro Israele, ma la Brigata Ebraica ha potuto sfilare pacificamente. Con lei due candidati a sindaco: Stefano Parisi (centrodestra) e Marco Cappato (Radicali)

C'era anche Stefano Parisi (candidato a sindaco del centrodestra) al corteo del 25 aprile in centro a Milano. Ha partecipato insieme alla Brigata Ebraica, come annunciato. E come ogni anno la Brigata Ebraica è stata contestata dai centri sociali in piazza San Babila, al grido "Palestina libera, Palestina rossa"; ma lo "spezzone" della Brigata è stato "protetto" dai giovani del Partito democratico e ha potuto sfilare senza particolari problemi. 

Così anche lo stesso Parisi, che parlando dei contestatori ha commentato: "Sono quattro gatti, fascisti e antisemiti. Non dovrebbero manifestare". E di sé stesso: "Questa piazza è mia da tanto tempo", ricordando le sue origini (era socialista in gioventù). Insieme al candidato a sindaco hanno sfilato anche alcuni consiglieri comunali di Forza Italia.

E con la Brigata Ebraica, come sempre ogni anno, anche i Radicali con il loro candidato a sindaco Marco Cappato. In mattinata, i Radicali si erano recati al cimitero di guerra britannico a Trenno.

Al termine del corteo, in piazza del Duomo, stretta di mano tra Parisi e Giuseppe Sala, candidato a sindaco di centrosinistra. Al corteo hanno partecipato anche altri candidati alla poltrona più alta di Palazzo Marino: Basilio Rizzo (Milano in comune), Luigi Santambrogio (Alternativa Municipale) e Gianluca Corrado (5 Stelle).

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche Stefano Parisi al corteo del 25 Aprile. Brigata Ebraica contestata ma riesce a sfilare

MilanoToday è in caricamento