rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Politica Duomo / Via Torino

A Milano ci sarà meno pavé nei prossimi anni

Palazzo Marino vuole mantenere i massi dove hanno un valore storico e potrebbero scomparire da via Torino

Si sta muovendo qualcosa sul fronte del pavé a Milano, non i pezzi di pietra in senso stretto (quelli è meglio che stiano bloccati al suolo) quanto sulla loro sostituzione a favore del più pratico ed economico asfalto. Tutto è iniziato lunedì mattina quando, dopo la pubblicazione di un editoriale su MilanoToday, il neoassessore regionale alla sicurezza Romano La Russa ha lanciato il sasso ("Sono troppi gli incidenti che avvengono a causa della pavimentazione stradale in pav è, che due volte su tre si rivela un’insidia per i ciclisti e i motociclisti della città, la cui incolumità dovrebbe stare a cuore al sindaco di Milano").

Martedì mattina è arrivata la replica del sindaco di Milano: "L’ho detto diverse volte non sono contrario a rimuovere parte del pavé, va tutelato quello che ha un senso storico e che è inserito in un contesto architettonico veramente antico", ha detto Sala parlando con i giornalisti a margine della conferenza stampa "Jazz mi" alla Triennale di Milano.

"Se vogliamo dobbiamo anche collaborare con la regione Lombardia in un confronto che deve vedere anche la sovrintendenza al tavolo perché molti dei limiti nella rimozione pavé sono legati alla sovrintendenza", ha aggiunto il sindaco. " Ho fatto mille volte l’esempio di via Torino, e lì ad esempio non ce lo vedo, è difficile andare in bicicletta in via Torino perché ha i binari e il pavé quindi poi le biciclette vanno sul marciapiede e siamo punto a capo. Anche che la politica abbia diverse idee su questo è bizzarro, quindi sono disponibile a ragionarci".

Martedì sera è arrivata la controreplica di La Russa: "Sono naturalmente disponibile a un dialogo con il Comune, anche se, a parti invertite, nel tempo, raramente c’ è stata la stessa disponibilità. All’illuminato sindaco Sala, alfiere della sinistra ecologista e ambientalista, e ai suoi assessori Granelli e Maran, suggerisco di montare in sella alle loro biciclette e percorrere, insieme a me, via Beato Angelico, in zona Città Studi, e viale Ludovico il Moro, zona Naviglio, così da poter sperimentare in prima persona e comprendere di cosa stiamo parlando. Oltretutto, tempo fa la manutenzione dei masselli veniva svolta a regola d’arte. Oggi non più e vediamo delle inutili colate di bitume nero a tappare i buchi".

Le vie in cui è stato tolto il Pavé

Dal 2019 il comune ha tolto circa 6mila metri quadrati di pavé, diverse le vie interessate: via Circo (tra Piazza Mentana e via Cappuccio), via San Sisto, via Palestro (tra via Marina e piazza Cavour), piazza Massaia, e piazzale di Porta Lodovico. Inoltre palazzo Marino ha comunicato che c'è il via libera della sovrintendenza a togliere la pavimentazione in pietra da via degli Olivetani, via Gian Battista Vico e via Cesare Battisti.

Nel 2023, invece, verranno tolti i masselli in via Montegani (quartiere Stadera).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Milano ci sarà meno pavé nei prossimi anni

MilanoToday è in caricamento