Giovedì, 24 Giugno 2021
Politica

Periferie e integrazione, progetti speciali per San Siro, Lorenteggio e via Padova

Presentate le idee che verranno realizzate insieme al Politecnico e a due associazioni

Via Zamagna, la "promenade" di San Siro

Parte il progetto "Don't call me stranger" per integrare maggiormente gli stranieri in tre quartieri "capofila" di Milano: Lorenteggio, San Siro e via Padova, scelti proprio per l'alta percentuale di stranieri residenti, che vivono per lo più in case popolari. Il progetto viene co-finanziato dall'Unar (ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali) e nasce insieme a due associazioni (Comunità Nuova e Villa Pallavicini) e al dipartimento di studi urbani del Politecnico.

Gli interventi sono di diverso genere e differenziati da quartiere a quartiere. Comune invece l'obiettivo: favorire l'aggregazione e la socializzazione per superare pregiudizi e stereotipi. Il finanziamento arriva da Unar (60 mila euro) a cui si aggiungono 20 mila euro messi a disposizione dal comune (disponibilità di spazi, risorse umane e materiali) e altri 20 mila euro dai partner. Le azioni termineranno il 31 dicembre 2016.

«Abbiamo dato il pieno sostegno a questo progetto – spiega l’assessore alle politiche sociali, Pierfrancesco Majorino – perché abbiamo sempre appoggiato e contribuito a realizzare interventi che sviluppassero, in contesti multiculturali, opportunità di confronto e conoscenza e la generazione di un nuovo tessuto sociale tra la popolazione italiana presente da decenni e i nuovi residenti di origine straniera. Abbiamo chiesto che le azioni avessero al centro il tema della legalità, intesa come rispetto dei diritti e dei doveri di ogni cittadino, insieme alla valorizzazione delle persone, delle loro capacità e competenze, a partire dalle donne straniere, più toccate dall’isolamento sociale, ma eccezionale punto di partenza per la costruzione di rapporti, relazioni, convivenza».

Il Politecnico sarà il partner per San Siro, Comunità Nuova per Lorenteggio e Villa Pallavicini per via Padova. Tra le numerose iniziative che compongono l'intero progetto, menzioniamo "Storie di vita", una raccolta di interviste in profondità a donne straniere che vivono a San Siro e che andrà a comporre il futuro portale SanSiroStories.it. E, sempre a San Siro, "Riuso degli spazi", per progettare nuove attività (anche micro-imprendioriali) per sfruttare meglio e per un maggior tempo gli spazi commerciali situati ai piani terra dei palazzi popolari, attivando veri e propri presidi sociali in orari "allargati".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Periferie e integrazione, progetti speciali per San Siro, Lorenteggio e via Padova

MilanoToday è in caricamento