rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Politica

Pisapia, lunedì da "elmetto in testa": sondaggi, Scola e Giovanardi

Il sindaco, a un evento, replica alle critiche per la sua popolarità in calo - "Abbiamo fatto scelte dolorose" - e per l'apertura alle adozioni gay - "Mio parere" - e punzecchia l'ex ministro Giovanardi

Lunedì da "elmetto in testa" per il primo cittadino di Milano Giuliano Pisapia, impegnato a replicare ai detrattori di Area C e a quelli delle adozioni per le coppie omosessuali. 

"In una città come Milano, dopo un anno e due mesi di governo, in una situazione in cui abbiamo dovuto fare scelte dolorose per una situazione di 'sbilancio' in cui ci siamo trovati e per i continui tagli agli enti locali, avere ancora il 52% dei consensi è per me una grande soddisfazione". Il primo cittadino, a margine di un appuntamento, ha commentato così i risultati di un sondaggio realizzato da Ispo per il Corriere della Sera che danno appunto il gradimento dei milanesi in calo, tra novembre 2011 e settembre 2012, dal 62 al 52%.

Capitolo adozioni gay. Domenica, come noto, il numero uno di Palazzo Marino aveva aperto alla possibilità di adozione per le coppie omosessuali con una dichiarazione alla festa dell'Idv di Vasto. Dopo questa uscita, l'ex presidente della Commissione per le adozioni internazionali Carlo Giovanardi l'ha accusato di dare uno "schiaffo ai diritti dei bambini e delle coppie regolarmente sposate che non riescono ad adottare bambini". Pronta la replica del sindaco: "Io non ho mai dato schiaffi in vita mia a nessuno. Giovanardi pensi a quelli che ha dato e continua a dare con la legge sulla droga che ancora oggi crea tante vittime nel nostro Paese".

E ne ha implicitamente anche per Angelo Scola, arcivescovo di Milano, scettico sull'apertura al registro delle unioni civili: "Credo che questo sia anche un insegnamento del Cattolicesimo - ha spiegato Pisapia a margine di un evento -: guardare agli altri e ai bisogni e diritti degli altri, soprattutto dei soggetti più deboli".

"Questa è una mia opinione ma non riguarda la giunta, non è nel programma del sindaco e della giunta, né del Consiglio comunale, perché evidentemente è un tema che ha risvolti nazionali".

Però poi il sindaco ha suggerito di guardare "alla convenzione europea sulle adozioni che ci dice cose interessanti perché prende in esame il problema e dà anche la risoluzione rispetto al tema delle coppie omosessuali". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisapia, lunedì da "elmetto in testa": sondaggi, Scola e Giovanardi

MilanoToday è in caricamento