menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'arrivo di profughi dalla Libia in un centro lombardo di Croce Rossa

L'arrivo di profughi dalla Libia in un centro lombardo di Croce Rossa

Immigrati, sarà il Comune a farsene carico in via Barzaghi

Progetto "innovativo" del Comune milanese. Sarà direttamente Palazzo Marino a gestire l'arrivo di profughi, con gli stanziamenti (46 euro al giorno a persona) dello Stato. L'ospitalità in via Barzaghi

Un progetto individualizzato per ciascuno dei profughi in arrivo a Milano, pianificazione e trasparenza con i residenti per evitare allarmi ingiustificati: così l'assessore alle politiche sociali Pierfrancesco Majorino ha illustrato le linee guida del nuovo modello di gestione dell'assistenza profughi presentato ieri al centro di via Barzaghi. Nei 40 posti allestiti nella sede della protezione civile da oggi al 20 settembre saranno ospitati, a turni di 20 alla settimana e per massimo 15 giorni, i 100 profughi in arrivo previsti che si vanno ad aggiungere ai 239 già presenti in città. Tutto a costo zero per il Comune di Milano che ha semplicemente scelto di investire in questo progetto risorse umane, già all'interno dell'assessorato, e i 46 euro al giorno per persona messi a disposizione dal governo.

«Potevamo accettare che venissero messi in hotel a spese del governo e far finta di nulla lasciandoli al loro destino - ha spiegato Majorino - invece abbiamo scelto di farcene carico governando questo flusso di presenze grazie alla collaborazione con il terzo settore». Giunti al centro di prima accoglienza di via Barzaghi, i profughi verranno identificati e verrà loro rilasciato il permesso di soggiorno per richiedenti asilo, una operazione che secondo i responsabili del centro, è realizzabile in un giorno e mezzo, grazie al coordinamento raggiunto con la Prefettura e la Questura. Per stabilire chi abbia i requisiti necessari per ottenere l'asilo politico è stata istituita anche una commissione territoriale supplementare composta da rappresentanti della Prefettura, della Questura, dell'assessorato alle politiche sociali e dell'Acnur (Alto commissariato delle nazioni unite per i rifugiati).

Sempre durante i 15 giorni di permanenza nel centro verrà fatto anche uno screening sanitario, individuando i soggetti vulnerabili psicologicamente e non, e un orientamento di tipo legale, con informazioni anche sul rimpatrio assisitito. È prevista la presenza di mediatori culturali e linguistici nel centro, «in modo da strutturare percorsi individuali sulla base anche delle capacità e delle richieste di ciascuno - ha spiegato Majorino - in una seconda fase sarà poi il Comune a gestire i trasferimenti in altre strutture garantendo degli standard di servizio omogeneo».

Secondo l'accordo del 6 aprile 2011 dei 10mila profughi arrivati in Italia dal Nord Africa, la Lombardia ne ha ospitati 1700 di cui il 31,8% in provincia di Milano, «la città quindi deve continuare ad essere attenta alle necessità di chi viene da lontano e da situazioni di guerra - ha aggiunto l'assessore alla sicurezza Marco Granelli - dobbiamo rimanere a disposizione per renderci utili e non stare a guardare, interpellando e spiegando ai residenti dove sono e quanti sono i profughi che accogliamo». Ogni 15 giorni, infatti, l'assessorato alle politiche sociali si prenderà carico di informare la città sulla situazione degli arrivi, dell'assistenza dei profughi e della gestione delle presenze nei vari quartieri che avverrà «cercando di distribuire al massimo nelle varie zone in modo da non creare gruppi consistenti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

Coronavirus

Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento