rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Politica Monforte / Via Vivaio

Provincia, flash mob contro la violenza (con polemica)

Le consigliere provinciali organizzano un flash mob contro la violenza sulle donne. Ma poi la polemica: "Quelle del Pd hanno intonato Bella Ciao"

Un flash mob contro la violenza sulle donne è stato organizzato dalle consigliere provinciali di Milano il 30 maggio, davanti alla sede di Palazzo Isimbardi in via Vivaio. Come ha spiegato Agnese Tacchini (presidente della commissione pari opportunità), "abbiamo voluto far sentire a tutte le donne che non sono sole, che il nostro Paese condanna la violenza di genere e la combatte".

Sono stati scanditi i nomi delle 59 donne uccise nel 2013, poi il silenzio e un lungo applauso. Il tutto con palloncini, scarpe e magliette rosse, "il colore dell'amore e non della violenza", ha detto la Tacchini.

Il tutto, però, non si è svolto senza polemica: Roberta Capotosti (consigliera di Fratelli d'Italia) e Barbara Calzavara (Pdl) hanno protestato contro il "Bella Ciao" intonato a un certo punto dalle consigliere del Partito democratico, tra cui Diana De Marchi, vicecapogruppo. "Si devono vergognare della provocazione - scrivono le due consigliere di centrodestra - per avere provato a strumentalizzare l'iniziativa in cambio di visibilità". Ma Diana De Marchi non è d'accordo: "Il flash mob - risponde - è stato un momento molto sentito. La giornata coincide con la commemorazione di Franca Rame, che subì uno stupro di gruppo nel 1973. Ad alcune partecipanti è parso più che naturale ricordare lei e il suo impegno contro la violenza con le parole di quella canzone, come lei aveva chiesto". Conclude la De Marchi: "E' strumentale un attacco da due consigliere che, al flash mob, non erano nemmeno presenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provincia, flash mob contro la violenza (con polemica)

MilanoToday è in caricamento