rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Politica

Regionali: Radicali consegnano al gip firme false a sostegno di Formigoni

Secondo i radicali sono "474 le firme sicuramente scritte dalle stesse mani e 99 fortemente sospette". Consegnata anche la perizia di un grafologo. Il prossimo 28 ottobre il tribunale comunicherà la sua decisione finale

Alcuni esponenti dei Radicali hanno consegnato al gip di Milano Cristina Di Censo tre scatoloni di "firme false". Lo scorso 6 ottobre il partito aveva annunciato la presenterazione di una denuncia per falso nella raccolta di firme da parte di Roberto Formigoni la cui lista "Per La Lombardia" che in un primo tempo era stata estromessa dalle suddette elezioni e stata poi riammessa dal Tar.

Il prossimo 28 ottobre il Tribunale di Milano dovrà decidere se archiviare o meno l'inchiesta penale per falso aperta in relazione alle firme a sostegno della lista di Roberto Formigoni per le scorse Regionali, nata proprio da un esposto degli stessi Radicali. E' stata depositata in segreteria anche una perizia di un consulente grafologo. Secondo Marco Cappato, "la copia totale delle firme false", sarebbero "474 sicuramente scritte dalle stesse mani e 99 fortemente sospette".

Guarda il video


L'inchiesta. A marzo, i Radicali avevano presentato un esposto in procura con l'ipotesi di rato di falso ideologico, per cui la procura aveva chiesto dopo poche ore l'archiviazione. I Radicali si sono opposti e per il 28 ottobre è fissata l'udienza dal gip. Come ha spiegato Cappato, nel caso l'inchiesta venga archiviata, i Radicali potrebbero presentare un altro esposto con l'intera documentazione sulle firme, oppure portarla ad integrazione in un procedimento aperto davanti al Tar della Lombardia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali: Radicali consegnano al gip firme false a sostegno di Formigoni

MilanoToday è in caricamento