Politica

I Radicali: quella di Formigoni? “E' una giunta abusiva, presto di nuovo alle urne”

Cappato denuncia il grave stato di illegalità nel quale si è effettuata la raccolta delle firme per la presentazione delle liste e annuncia una serie di ricorsi verso il mandato abusivo di Formigoni

"Le ultime elezioni regionali vanno annullate. Bisogna ritornare alle urne". Marco Cappato, eurodeputato e candidato alla presidenza della Regione Lombardia per la lista Bonino-Pannella, ribadisce la sua posizione sull'esito dell'ultima tornata elettorale e annuncia una serie di ricorsi, da presentare nei prossimi 15 giorni, davanti a Tar e Consiglio di Stato.

Gli esposti si riferiscono all'esclusione della lista Bonino-Pannella dalla competizione regionale e alla riammissione del movimento "Per la Lombardia" di Roberto Formigoni. La riconferma del presidente uscente alla direzione del Pirellone, per l'esponente radicale, è viziata da una serie di irregolarità che vanno denunciate.

  Cappato: una serie di barriere d'accesso hanno impedito la mia candidatura  

Coadiuvato dall'avvocato Simona Viola, Cappato contesta una serie di barriere di accesso alla presentazione delle liste che ha di fatto impedito la sua candidatura: dalla qualifica di autenticatori conferita anche a legislatori con cariche comunali e regionali alla disinformazione del servizio pubblico circa le forze politiche coinvolte e le modalità di raccolta del quorum di firme necessario per le liste.

L'esponente radicale sottolinea come "la riammissione della lista Formigoni sia stata effettuata senza le dovute verifiche di merito, evitando l'applicazione del decreto salva liste". Con una serie di esposti presentati presso tutte le procure lombarde, i radicali denunciano le irregolarità di raccolta delle sottoscrizioni di cui 2.000, secondo quanto riportato da Cappato, risultano registrate prima dell'effettiva presentazione della lista elettorale.

Infine, si contesta l'elusione della disciplina nazionale in merito al numero di mandati, due, previsti per un Governatore: quello che Formigoni si appresta ad iniziare è infatti il quarto. Per tutte queste ragioni, martedì mattina, in occasione dell'insediamento del nuovo Consiglio Regionale e del conferimento dei poteri, i radicali manifesteranno il loro dissenso verso la giunta "abusiva" con un presidio sotto i vertici del Pirellone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I Radicali: quella di Formigoni? “E' una giunta abusiva, presto di nuovo alle urne”

MilanoToday è in caricamento