L'assessore al giovane che ha denunciato messaggio controllore: "Non sei solo"

Dopo le pesanti minacce di elettori leghisti e di estrema destra

Sicurezza Trenord

"Ieri ho chiamato Raffaele Ariano, il cittadino che aveva denunciato un episodio di razzismo sul treno della linea Milano-Cremona-Mantova, dopo che giorni fa gli avevo scritto, istintivamente, un messaggio di gratitudine. Lo ho fatto perchè trovo squallida e grave la reazione di tanti nei suoi confronti".

Lo ha scritto Pierfrancesco Majorino, assessore comunale alle Politiche sociali. Ariano, infatti, dopo aver denunciato un annuncio razzista di una controllore Trenord, e' stato inondato da insulti da utenti leghisti e di estrema destra che davano ragione alla donna.

La stessa madre aveva scritto una lettera al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, segnalando l'enorme mole di odio che si era scatenato verso il figlio.

"Reazione evidentemente fomentata dall'odio leghista e oggi amplificata nei confronti della madre, autrice di un'appassionata lettera a Mattarella. Madre diventata, ovviamente, in queste ore per i razzisti della porta accanto "la mammina", con tanto di orrende considerazioni varie - prosegue Majorino -. Anche da qui dico a Raffaele e a sua madre una cosa semplice e ovvia. Non siete soli. E non si fa nessun passo indietro. Anzi, dico di più: continuiamo a camminare per un mondo più giusto.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Milano, il negozio vieta l'ingresso "alle persone vaccinate di recente": il cartello diventa virale

  • Da oggi al 15 gennaio Lombardia in zona arancione, cosa si può fare e cosa no

Torna su
MilanoToday è in caricamento