rotate-mobile
Il voto in aula

Scuola di Pioltello chiusa per il Ramadan, bocciata mozione della Lega in Regione

Lega sconfitta in aula sul testo che chiedeva al governo più regole sul calendario scolastico e un monitoraggio regionale

Lega sconfitta in consiglio regionale su una mozione presentata dal leghista Davide Caparini (e altri compagni di partito) sulle chiusure scolastiche, a partire dalla vicenda dell'istituto Iqbal Masih di Pioltello (Milano), dove il 10 aprile si fermeranno le lezioni perché le classi sarebbero state semivuote in occasione della fine del Ramadan, in una scuola col 43% di iscritti stranieri (in gran parte musulmani). Grazie anche al voto segreto, la mozione è stata bocciata con 34 contrari e 33 favorevoli. Contro la mozione, in precedenza, si era svolto, davanti a Palazzo Pirelli, un presidio della Flc-Cgil.

La mozione chiedeva alla giunta regionale di attivarsi col governo per regolamentare le deroghe al calendario scolastico, e per prevedere "strumenti di monitoraggio" in capo alle Regioni. Ciò si sarebbe trasformato in minore libertà per le scuole e in una qualche forma di controllo regionale. Caparini, durante il dibattito, ha aggiunto che la decisione della scuola di Pioltello, giunta "sotto data", avrebbe causato "problemi di organizzazione alle famiglie": per aggiungere la chiusura del 10 aprile, infatti, ne è stata cancellata un'altra all'ultimo momento. Per Caparini questo avrebbe provocato ripercussioni negative a causa di un calendario "cambiato nel corso del tempo".

Argomenti, questi, che non hanno convinto neanche parte della maggioranza di centrodestra. "È un grande risultato", il commento dopo il voto di Onorio Rosati (Alleanza Verdi-Sinistra): "È stata respinta la strumentalizzazione della Lega, una strumentalizzazione durata settimane. Ha prevalso il buon senso da parte della maggioranza dell’aula. La decisione della scuola è avvenuta nel rispetto dell'autonomia scolastica e delle norme. La Lega e la destra hanno strumentalizzato la decisione per fini elettorali".

"La scuola ha agito nell'interesse dei bambini"

"Siamo contenti dell'esito, dal momento che non c'era alcun bisogno di portare nell'aula del consiglio regionale un episodio definito dal nostro presidente della Repubblica di 'poco rilievo', strumentalizzando e caratterizzando la discussione da un approccio ideologico, cercando di dividere invece di sostenere chi lavora ogni giorno anche in situazioni non semplici per la coesione sociale, per l'integrazione". Così Michela Palestra, capogruppo del Patto Civico: "La scuola di Pioltello ha unicamente agito nell'interesse dei bambini e delle bambine nel rispetto dell'autonomia scolastica".

"Come per le carriere alias, la maggioranza perde i colpi", il commento di Paola Pizzighini del Movimento 5 Stelle: "La mozione della Lega era pretestuosa e puntava a negare una società fondata sull'inclusione, sull'interazione tra culture e sul confronto tra religioni. Hanno parlato di tradizione ed è arrivato Giuda a tradire, perché alle loro ideologie non credono nemmeno loro".

"Lega unico baluardo cristianità"

Di diverso tenore la reazione di Silvia Scurati, consigliera della Lega, che si dichiara "allibita di come l'aula abbia bocciato, a voto segreto, la mozione" e afferma che "da oggi la Lega è l'ultimo baluardo nella difesa dell'identità occidentale e cristiana". Per Scurati, "la Lega sarà contro questa visione sbagliata e pericolosa di integrazione che è sempre più sottomissione. Non è facoltà di un preside inventare festività". E infine: "Chiudere una scuola per festeggiare il Ramadan è inaccettabile e va contro il principio d'integrazione, a meno che non si voglia leggerlo al contrario: che gli italiani si devono integrare alle tradizioni e feste islamiche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola di Pioltello chiusa per il Ramadan, bocciata mozione della Lega in Regione

MilanoToday è in caricamento