Lunedì, 14 Giugno 2021
Politica

Referendum acqua pubblica: 240mila firme in Lombardia

L'Italia dei Valori fra i promotori del referendum in difesa dell'acqua pubblica ha presentato le cifre a Bergamo: in Lombardia, raccolto il maggior numero di consensi. A Milano: 90mila

Duecentoquarantamila. Sono le firme pro-acqua pubblica raccolte in Lombardia. Il referendum per dire no alla privatizzazione delle forniture idriche in Italia è stato indetto, tra gli altri, da Italia dei Valori, che questa mattina ha presentato a Bergamo i risultati.

Se la Lombardia è stata la regione con il più alto numero di adesioni, la vittoria di sensibilizzazione al tema spetta a Milano, con 90mila firme raccolte. Seguono le province di Bergamo (45mila sottoscrizioni), Varese e Brescia con 24mila. In Italia, in tutto, le adesioni al legittimo impedimento sono state 2milioni e 200mila.

  Oltre 2milioni di italiani hanno sottoscritto il referendum per dire no all'acqua privatizzata  


"Il referendum sul legittimo impedimento è quello che ha riscosso l'apprezzamento maggiore - ha detto il consigliere regionale Gabriele Sola - La gente si è ribellata e ha imbracciato l'arma della firma per farsi sentire. Questo risultato dimostra che il nostro è un partito in carne e ossa, più che mai vivo e radicato sul territorio".

L'Idv chiede che gli italiani si possano esprimere per il mantenimento dell'acqua come bene pubblico, contro il ritorno del nucleare e per le energie alternative e, soprattutto, per abrogare la legge sul legittimo impedimento. "Abbiamo raggiunto e superato tutti i nostri obiettivi - ha spiegato l'onorevole Sergio Piffari - Ora ci auguriamo che l'anno prossimo gli italiani possano essere chiamati alle urne per votare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Referendum acqua pubblica: 240mila firme in Lombardia

MilanoToday è in caricamento