menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Leoncavallo e torri a Greco (sito ufficiale)

Leoncavallo e torri a Greco (sito ufficiale)

Leoncavallo, via alla regolarizzazione: pagherà l'affitto al comune

Palazzo Marino acquisirà l'area dai Cabassi in cambio di altri immobili. Da agosto lo storico centro sociale sarà regolare a tutti gli effetti

Il Leoncavallo è pronto per essere regolarizzato. Il centro sociale più famoso d'Italia, uno dei più antichi (40 anni di età, poco meno), da molto tempo non è più quel luogo di illegalità (per i detrattori, s'intende) degli inizi. Sorto con l'occupazione di uno stabile con capannone in via Mancinelli al Casoretto, negli anni '70, ha attraversato tutte le trasformazioni sociali e politiche restando in ogni caso un punto di riferimento dell'altenativa.

Agosto 2014 sarà la data della regolarizzazione. Il comune di Milano acquisterà l'area dal gruppo Cabassi che, in cambio, otterrà sei alloggi di via Trivulzio ora di proprietà del comune e le ex scuole Mazzini del quartiere Salomone. L'accordo era già pronto nel 2013, ma c'è voluto tempo per formalizzarlo anche nei dettagli.. In questo modo il Leoncavallo pagherà un regolare affitto al comune.

Due i momenti più "caldi" della sua storia: nel 1978 l'assassinio di Fausto e Iaio, due giovani frequentatori del centro sociale che stavano conducendo un'indagine sullo spaccio di droga nel quartiere del Casoretto. E - nel 1994 - lo sgombero dalla sede storica e l'occupazione di quella attuale, in via Wattheau a Greco. Da lì in poi, non pochi - nelle giunte comunali di centrodestra - iniziarono a ragionare sulla regolarizzazione del centro sociale. Vittorio Sgarbi, quand'era assessore alla cultura nella giunta Moratti, cercò anche di tutelare i graffiti dei muri esterni.

Dal 2004, con l'ordine di rilascio, i "leoncavallini" ricevono periodicamente l'ufficiale giudiziario che rimanda costantemente lo sgombero. Una situazione - come aveva spiegato Daniele Farina, storico leader del Leoncavallo e deputato di Sel, a MilanoToday - che non consente al centro sociale una programmazione seria delle attività.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento