menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità Lombardia, sulla riforma i "saggi" ancora all'opera dopo 6 mesi: «Lavoro non consolidato»

Lo ha reso noto Letizia Moratti in consiglio regionale. Ma uno degli esperti, l'ex rettore della Statale Gianluca Vago, è disponibile a relazionare in commissione sanità

Che fine ha fatto la commissione dei "saggi" incaricata il 29 giugno 2020 da Regione Lombardia per riformare la legge sulla sanità? Il governatore Attilio Fontana chiese a diversi esperti di analizzare le criticità e individuare i possibili miglioramenti al testo, varato nel 2015 dal suo predecessore Roberto Maroni e fortemente criticato durante la pandemia Covid. Si tratta della legge che ha strutturato il sistema sanitario in Ast (ex Asl) e aziende ospedaliere, denominate Asst: prevedeva una sperimentazione di cinque anni, scaduta quindi con il 2020.

I "saggi" incaricati dalla giunta erano (e sono) Giuseppe Remuzzi, direttore dell'Istituto Mario Negri, l’economista bocconiana Rosanna Tarricone, Gianluca Vago, ex rettore della Statale, il direttore scientifico dell’Humanitas Alberto Mantovani e il presidente dell’ordine dei medici della Lombardia Gianluigi Spata.

Il tema è entrato in consiglio regionale lunedì 19 gennaio, in concomitanza con l'esordio nell'aula del Pirellone del neo assessore al welfare Letizia Moratti. Proprio a lei, sul lavoro dei "saggi", l'esponente di +Europa-Radicali Michele Usuelli ha rivolto un'interrogazione a risposta immediata, chiedendo che i documenti prodotti dalla task force vengano resi pubblici, in commissione sanità o meglio ancora ai cittadini.

La Moratti ha risposto che il lavoro della task force «è ancora da consolidare», dunque i documenti prodotti non sono ancora definitivi, ma Vago (uno degli esperti) è disponibile a partecipare ad una audizione in consiglio regionale o in commissione sanità per fare il punto. Parzialmente soddisfatto Usuelli: «E' gà nelle nostre prerogative chiedere audizioni in commissione. Prendo atto che ci sono solo bozze dei documenti e spero che, quando saranno pronti, saranno resi disponibili».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento