menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arresti Atm, Sala: "Ho molta rabbia dentro, pene siano esemplari"

Il primo cittadino è intervenuto in televisione

Il sindaco di Milano Beppe Sala è intervenuto sulla bufera che, in queste ore, sta coinvolgendo Atm (Azienda trasporti milanese), con una raffica di arresti per presunte tangenti legate ad alcuni appalti. 

"Ho chiesto ad Atm", l'azienda che gestisce il trasporto pubblico a Milano, "di prendere provvedimenti rapidi, queste persone devono essere allontanate, licenziate, quello che si può fare. Se le cose stanno così la giustizia intervenga rapidamente e le pene siano anche esemplari". Lo ha detto il primo cittadino intervenendo su Rai 3.

"Non me l'aspettavo e ho dentro tantissima rabbia perché tanti stanno facendo la loro parte in questo momento di difficoltà e due funzionari ti mettono in croce - ha aggiunto -. E' la dimostrazione che bastano due funzionari infedeli, ancora oggi per regole o per la mancanza di controlli, per gettare una macchia" sulla città "e questo non va bene". 

Atm: "L'azienda è del tutto estranea ai fatti"

Nella tarda mattinata di martedì è arrivata anche una dichiarazione dell'azienda: "Atm sin da subito ha prestato la propria fattiva collaborazione alle Autorità inquirenti anche al fine di determinare al più presto gli elementi relativi alle responsabilità dei soggetti indagati e assumere tutti i conseguenti provvedimenti a riguardo — si legge in una nota —. L’Azienda è del tutto estranea ai fatti contestati, attribuiti ai singoli soggetti che, a quanto si apprende, avrebbero agito autonomamente in violazione del Codice Etico di Atm ancor prima che in violazione delle norme di legge. Di conseguenza, Atm ha già dato incarico ai propri legali al fine di tutelare l’Azienda in tutte le sedi opportune".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento