Politica

Sala e Parisi prendono un caffè insieme. E parlano di immigrati e Brexit

Incontro a Palazzo Marino tra il sindaco e il suo ex sfidante

Parisi e Sala (durante la campagna elettorale)

Giuseppe Sala e Stefano Parisi si sono incontrati a Palazzo Marino. Il meeting tra il sindaco di Milano e il suo sfidante al ballottaggio del 19 giugno hanno parlato dell'accoglienza ai migranti e di Brexit. Due temi di stretta e importante attualità: da una parte la necessità di allestire e trovare strutture per accogliere i migranti in arrivo a Milano, dall'altra il ruolo della città di Milano per attrarre imprese ed enti che, dopo il voto con cui il Regno Unito ha sancito che uscirà dall'Unione europea, cercheranno di trasferirsi altrove. 

Restano distanti le posizioni sull'uso del campo base di Expo come luogo di accoglienza per i migranti. Per Sala è la soluzione più immediata anche se temporanea: ne ha parlato anche con il prefetto Alessandro Marangoni. Per Parisi si tratta di una idea sbagliata ("nulla è più definitivo, in Italia, delle cose provvisorie") e sarebbe meglio distribuirli più equamente in tutta la Lombardia.

C'è stato anche tempo per parlare del viaggio a Londra di Sala, mercoledì 6 luglio, durante il quale il sindaco ha parlato con il suo collega Sadiq Khan ma anche con l'Agenzia del farmaco e l'Autorità bancaria, i due enti con sede a Londra che cercheranno dove spostarsi. Sala punta molto ad almeno una di queste due autorità e così anche Roberto Maroni, presidente della Lombardia. Per Parisi è invece più importante cercare di attrarre le imprese, ma per farlo occorrerebbe "un ufficio apposta" per garantire tempistiche certe e poca burocrazia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sala e Parisi prendono un caffè insieme. E parlano di immigrati e Brexit

MilanoToday è in caricamento