rotate-mobile
Le dichiarazioni

Le prime parole dell'on. Salis: "Emozionatissima. La solidarietà è una potenza"

Il messaggio sui social, dai domiciliari a Budapest, da parte di Ilaria Salis, neoeletta al Parlamento europeo per Alleanza Verdi Sinistra

"Non riesco ancora a crederci né a descrivere la mia emozione. Non potrò mai ringraziare abbastanza tutte le persone che mi hanno sostenuto con il loro voto". Così Ilaria Salis, neoeletta al Parlamento europeo per Alleanza Verdi Sinistra, in un messaggio su Instagram registrato dall'appartamento di Budapest dove si trova agli arresti domiciliari, dopo la diffusione dei risultati elettorali dell'8 e 9 giugno: "Il mio primo pensiero va a tutte le persone detenute in Italia e all'estero e ai loro diritti. A chiunque combatte per la libertà e l'uguaglianza e si trova a subire ingiustizie".

Salis era stata candidata da Avs come capolista al Nord-Ovest e alle Isole. Al Nord-Ovest ha ottenuto 126mila voti e nelle Isole circa 50mila. Grazie alla buona performance della lista, che ha superato lo sbarramento del 4%, sarà certamente eurodeputata. Di conseguenza, sarà una cittadina libera e il processo in corso in Ungheria (per la presunta aggressione a due militanti neonazisti a febbraio 2023) sarà sospeso.

"L'antifascismo, oltre che un valore umano e una prospettiva politica, è anche una comunità resistente e solidale", ha scritto ancora Salis: "Abbiamo dimostrato che la solidarietà non è uno slogan vuoto, ma qualcosa di concreto e tangibile. Una potenza che, se ci crediamo e se vogliamo, può davvero migliorare il mondo. Mentre le destre radicali avanzano in tutta Europa è necessario battersi per cambiare radicalmente lo stato di cose presenti. Io sono pronta per fare la mia parte. Questa forza collettiva e coraggiosa che si è manifestata nei miei confronti, dobbiamo essere capaci di rafforzarla e diffonderla ovunque, in Italia, in Europa e nel mondo intero".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le prime parole dell'on. Salis: "Emozionatissima. La solidarietà è una potenza"

MilanoToday è in caricamento