Salvini su Garavaglia, l'assessore indagato: "E' incazzato, infangato sul nulla"

Continua la strenua difesa del leader leghista per l'assessore accusato di essersi interessato per far riottenere un servizio ad una Croce "amica"

Massimo Garavaglia

Matteo Salvini torna alla carica per difendere Massimo Garavaglia, l'assessore regionale leghista al bilancio indagato per la vicenda del trasporto dializzati nel territorio dell'Asl 1. Già a caldo, dopo la notizia dell'inchiesta, il leader del Carroccio aveva affermato che «se segnalare un'associazione del territorio è un reato, potete arrestare anche me», cercando quindi di minimizzare l'interessamento di Garavaglia (già sindaco di Marcallo con Casone) e di Mantovani (già sindaco di Arconate) per venire incontro alla Croce Azzurra Ticinia che non aveva nemmeno partecipato al bando congiunto di tre Asl (Milano, Milano 1 e Pavia) per l'assegnazione del servizio.

«Non è tranquillo ma è incazzato», ha commentato poi Salvini lunedì 19 ottobre dopo avere parlato direttamente con Garavaglia: «E' stato infangato sul nulla», ha specificato. A chi gli ha chiesto un commento sull'arresto di Mario Mantovani, il leader del Carroccio ha specificato: «Ho letto le carte del mio uomo e assessore (riferendosi a Garavaglia, n.d.r.), sugli altri posso e voglio sperare che dimostrino rapidamente la loro innocenza, però commento quello che leggo».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mantovani, in effetti, è accusato anche di altre cose; però pure di quella di cui è accusato Garavaglia. Nel senso: le carte su Garavaglia riguardano anche Mantovani. Vi si evince che l'interesse per venire incontro alla Croce Azzurra Ticinia è di entrambi. Il primo 'input' parte proprio con un sms da Garavaglia a Mantonvani, che poi si muove per chiedere lumi al direttore generale di Asl 1 Giorgio Scivoletto (indagato), che al telefono chiama Mantovani «il capo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: continuano a salire i contagi +382

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

  • Coronavirus, "in Lombardia magheggi sui numeri per riaprire". Il Pirellone: "Non è vero". E querela

  • Bonus bici valido a Milano, l'elenco dei Comuni: ecco come richiederlo

  • Francesco, 18 anni e i polmoni "bruciati" dal Coronavirus: salvato col trapianto da record

Torna su
MilanoToday è in caricamento