Politica

Salvini e Le Pen d'accordo su tutto. Passera: «Non votate per il fascismo leghista lepenista»

L'incontro tra il leader della Lega e la nipote di Marine Le Pen segna un altro punto di distacco con i più moderati del centrodestra, dopo la rottura con Forza Italia su Roma e Torino (ma non Milano)

Matteo Salvini e Marion Le Pen (Fb)

Alla fine l'incontro tra Matteo Salvini e Marion Le Pen alle Stelline si è tenuto. Il leader della Lega Nord e la parlamentare del Front National (e nipote della leader Marine Le Pen) si sono trovati d'accordo su tutto, ed era scontato. L'incontro si è svolto tranquillamente. I centri sociali si sono quindi limitati al "blitz" del giorno precedente.

Solo un piccolo incidente: un giornalista ed un operatore del programma "Le Petit Journal" del canale televisivo francese Canal+ sono stati allontanati perché non accreditati, anche se - prima di partire dalla Francia - la redazione della trasmissione si era informata e le era stato assicurato che non occorresse alcun accredito.

Visione comune, si diceva, tra Le Pen e Salvini, su qualunque argomento: dalle relazioni internazionali (sognando l'asse tra Vladimir Putin e Donald Trump, ma anche il "Brexit", cioè l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea attraverso un referendum) fino alle politiche sociali: difesa della famiglia tradizionale ed eterosessuale, per esempio. La Le Pen - che in serata era poi a Roma - pur senza entrare nelle questioni italiane ha dato un assist a Giorgia Meloni, leader di Fdi e neo candidata a sindaco della capitale sostenuta proprio da Salvini: «Certo che una donna in gravidanza può candidarsi», ha affermato.

La strategia di "matrimonio di ferro" con il Front National serve a Salvini anche per rimarcare la rottura che sta segnando quasi ovunque - in vista delle amministrative - con Silvio Berlusconi. A Roma e anche a Torino. Ma non a Milano, dove resta saldo il sostegno a Stefano Parisi. Inevitabile, però, che la saldatura con Le Pen e la rottura con i più moderati della coalizione di centrodestra avesse ripercussioni politiche anche sotto la Madonnina. 

E' Corrado Passera ad intervenire con forza sull'argomento. L'ex ministro - che si è candidato a sindaco con una lista civica indipendente - è consapevole che i milanesi moderati potrebbero non gradire l'estremizzazione della Lega Nord, putiniana e trumpiana, e attacca: «Milano non si può permettere il gemellaggio con il fascismo leghista lepenista imposto a Stefano Parisi: votandolo, la città verrebbe consegnata al dipendente di una coalizione ormai in frantumi, sotto costante ricatto e totalmente in balìa della becera politica retriva e populista della Lega di Salvini, che va sotto braccio al partito nazional fascista di Le Pen che auspica la fine dell'accordo di Shengen».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvini e Le Pen d'accordo su tutto. Passera: «Non votate per il fascismo leghista lepenista»

MilanoToday è in caricamento