Giovedì, 24 Giugno 2021
Politica Porta Vittoria / Viale Umbria

Falce e martello e stella a cinque punte contro Marchionne

Ieri mattina sono 'apparsi' i due simboli su Viale Umbria, con tanto di slogan contro l'amministratore delegato Fiat e i leader di Cisl e Uil Bonanni e Angeletti: "No ai licenziamenti,no al precariato"

"Marchionne sfruttatore, Bonanni e Angeletti servi dei padroni". Questa la scritta trovata ieri mattina sul muro di un palazzo in Viale Umbria, angolo Tertulliano.

Gli autori dello 'slogan' si sono firmati con i simboli di falce e martello e della stella a cinque punte, in passato utilizzata dalle Brigate Rosse.
Sempre nella stessa zona sono stati affissi volantini con scritto "No ai licenziamenti, no alla precarietà" e informazioni riguardo il concerto del Centro sociale 'Vittoria'.

Immmediate sono state le risposta di Stefano Fassina, responsabile economico del Pd e di Cesare Damiano, capogruppo Pd in commissione lavoro che hanno espresso la loro solidarietà verso l'amministratore delegato della Fiat e i leader di Cisl e Uil : "Vittime di ignobili intimidazioni. Bisogna respingere con forza qualsiasi tentativo da parte di chi al dialogo e al confronto preferisce la violenza."
"I simboli apparsi oggi appartengono - continuano Fassina e Damiano - appartengono ad un passato che non deve tornare e su cui non bisogna speculare. E' bene quindi che le autorità facciano al più presto chiarezza sull'episodio."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falce e martello e stella a cinque punte contro Marchionne

MilanoToday è in caricamento