Politica Calvairate / Viale Molise

Macao, il comune vuole vendere l'ex macello occupato dagli attivisti: sgombero in vista

La vendita dell'immobile potrà fruttare 22,5 milioni di euro a Palazzo Marino

Dovrà trovare una nuova casa il centro sociale Macao che dal 2012 occupa l'ex Borsa del Macello di viale Molise a Milano. Uno sgombero soft, senza violenza e con una soluzione pacifica con gli occupanti che hanno trasformato l'edificio abbandonato in un "centro indipendente per le arti". È questa la linea che vuole seguire Palazzo Marino e la strada è stata indicata nel pomeriggio di venerdì 14 settembre in commissione Demanio dall'assessore Roberto Tasca. L'obiettivo del municipio? Vendere gli edifici.

Le palazzine liberty, infatti, appartenevano a Sogemi, società comunale che gestisce l'ortomercato e per saldare un vecchio debito con il comune a gennaio 2018 una delibera aveva deciso il rientro tra le proprietà del comune. Le palazzine poi saranno messe in vendita e il comune spera di ricavare 22,5 milioni di euro, il valore stimato dai periti. L'operazione immobiliare servirà a prorogare di tre anni la durata del Fondo II, portafoglio immobiliare gestito da Bnp Paribas e nato per vendere parte del patrimonio comunale. Ora la delibera approderà in aula e dovrà essere votata.

Un orizzonte diverso da quello che aveva sperato il collettivo nel 2017 quando aveva proposto a Palazzo Marino di acquistare la palazzina con una formula basata sull'uso pubblico di spazi abbandonati. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Macao, il comune vuole vendere l'ex macello occupato dagli attivisti: sgombero in vista

MilanoToday è in caricamento