La Regione invita i dipendenti a promuovere sui social le iniziative del Pirellone. La Cgil: "Iniziativa pericolosa"

"Riteniamo che sia una scelta discutibile e rischiosa: rischia di ledere la libertà di opinione delle lavoratrici e dei lavoratori, invadendone la sfera privata e del tempo libero", dichiara Lucilla Pirovano, coordinatrice Fp Cgil Lombardia

Nel Piano di Comunicazione e Promozione 2020 di Regione Lombardia, nel paragrafo sul modello organizzativo (a p.7) c’è scritto che “in generale si lavorerà per favorire l’engagement e il coinvolgimento dei dipendenti (a partire dall’uso dei loro canali social, LinkedIn in primis) come potenziali divulgatori e promotori delle politiche regionali”.

Lo segnalano i sindacati, paventando problemi per questa modalità di "comunicazione". “Riteniamo che sia una scelta discutibile e rischiosa: rischia di ledere la libertà di opinione delle lavoratrici e dei lavoratori, invadendone la sfera privata e del tempo libero - dichiara Lucilla Pirovano, coordinatrice Fp (Funzione pubblica) Cgil Lombardia in una nota delle scorse ore -. Si confonde il ruolo dei dipendenti della pubblica amministrazione, considerandoli dipendenti di una maggioranza pro tempore. Non vorremmo mai che la disponibilità a fare propaganda politica per chi è alla guida della Giunta diventi elemento di discrimine tra lavoratori. Approfondiremo la questione - aggiunge Pirovano - e chiederemo ai responsabili della Giunta regionale le dovute spiegazioni a tutela dei quasi 3000 dipendenti dell’ente”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Nei giorni scorsi abbiamo lanciato il tema sulla nostra pagina Facebook e i commenti ricevuti da lavoratrici e lavoratori - da quanto sappiamo ancora non avvertiti dall’amministrazione - esprimono stupore e malcontento - afferma Manuela Vanoli, segretaria generale Fp Cgil Lombardia -. Questa scelta di Regione a nostro avviso è preoccupante: un conto è far usare ai dipendenti un profilo istituzionale per il ruolo che agiscono nell’ente, altro è invitarli all’uso dei loro canali social privati. Non vorremmo peraltro che questa strategia comunicativa facesse da apripista a decisioni simili da parte delle altre pubbliche amministrazioni che per ben funzionare hanno bisogno di sufficiente personale formato, aggiornato e motivato e sotto una indebita pressione. Figuriamoci se poi un domani queste pratiche comunicative fossero legate a progetti obiettivo. Il passo potrebbe essere breve”, conclude lo scritto del sindacato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Milano, si tuffa nel Naviglio asciutto per scappare dalla polizia e si rompe una gamba

  • Coronavirus, il contagio non si ferma: Milano sfonda quota 3mila, in Lombardia +2.400 casi

  • Coronavirus, quando finisce quarantena? "Le misure saranno allungate oltre 3 aprile"

  • Coronavirus: contagi in calo in Lombardia, ma 458 morti in un giorno. A Milano 3.560 positivi

  • Coronavirus, morto barista milanese di 34 anni: lascia un bimbo di 1 anno

Torna su
MilanoToday è in caricamento