rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Politica

L'assessore D'Alfonso: "Ripensare la spesa per il welfare"

Palazzo Marino spende 300 milioni di cui 180 per l'assistenza. "Bisogna evitare doppioni sui servizi tra Asl e comune"

Scoppia il caso della spesa del comune di Milano. 300 milioni di euro, più o meno, che secondo l'assessore al commercio Franco D'Alfonso "non possono essere considerati intoccabili e indiscutibili". L'assessore chiede di ripensare interamente il modello e di razionalizzare ciò che viene speso, perché l'ente locale deve fare fronte al costante calo delle entrate, soprattutto per la riduzione dei trasferimenti statali e regionali.

La proposta a medio termine di D'Alfonso è una riorganizzazione della spesa in vista della città metropolitana. Secondo i suoi calcoli, l'intero territorio metropolitano spende 6 miliardi di euro all'anno. Secondo l'assessore si potrebbe risparmiare almeno il 10% di quella cifra. Ma, come lui stesso dichiara al "Corriere", c'è anche un problema per l'immediato: Palazzo Marino sta per discutere il bilancio preventivo del 2014. Che fare? Per D'Alfonso, occorre una regia unificata tra comune e regione su temi, come l'assistenza sociale, in cui il comune ha "competenze residuali" ma tuttavia spende circa 180 milioni all'anno.

"Occorre evitare doppioni e sprechi tra servizi dell'Asl e servizi del comune", conclude D'Alfonso.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'assessore D'Alfonso: "Ripensare la spesa per il welfare"

MilanoToday è in caricamento