menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consiglio regionale: ridotte le spese per i gruppi politici

Contrario il M5s che chiedeva tagli ancora più drastici. Favorevoli maggioranza e centrosinistra

Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato il progetto di legge sul taglio dei costi della politica, che recepisce la spending review del Governo Monti riducendo di circa il 50% le spese per i gruppi politici al Pirellone.

Hanno votato a favore la maggioranza, il Pd e la lista Ambrosoli. Hanno votato contro i nove consiglieri del Movimento 5 Stelle che chiedevano "tagli più drastici".

Lo stipendio mensile dei consiglieri sarà di 10.500 euro lordi, di cui 6.300 per l'indennità di carica e 4.200 di rimborsi forfettari. Attualmente lo stipendio è di circa 16.800 euro lordi. Saranno tagliate del 55,5% le spese per il personale dei gruppi: da nove a quattro milioni all'anno. Tagliate dell'86,4% le spese per il funzionamento dei gruppi: scenderanno a 500 mila euro.

Se un consigliere si assenta in modo ingiustificato dalle sedute di commissione e di consiglio, gli verrà comminata una sanzione giornaliera di 280 euro. Il consiglio regionale lombardo costerà ora 1,45 euro all'anno per ogni cittadino lombardo. Stando ai calcoli dei promotori, è "uno dei costi più bassi d'Italia".

Per i fondi da restituire al consiglio, non più interessi zero come paventato dal Movimento 5 Stelle ma interessi legali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento