Politica

Il convegno sugli extraterrestri e le cene con gli amici: ecco le spese contestate al sindaco

Guai per l'ex sindaco di Segrate (Milano), Adriano Alessandrini: il processo parte a luglio

L'ex sindaco Adriano Alessandrini

Utilizzo indebito della carta di credito del comune di Segrate da parte dell’ex sindaco Adriano Alessandrini. Contestato dalla Procura contabile un danno erariale di oltre trentaquattromila euro. Sarà celebrato a luglio il processo per le spese che l’ex primo cittadino di Segrate ha sostenuto con la carta di credito del comune nel periodo 2010-2015 e per le quali la Procura della Corte dei conti ha ritenuto insussistenti le condizioni perché fossero accollate al bilancio dell’ente locale.

Le indagini – avviate dopo una denuncia dell’amministrazione comunale, insediatasi nel 2015, cui poi è seguita la segnalazione proveniente dalla locale Sezione regionale di controllo dei magistrati contabili – hanno consentito di appurare l’esistenza di numerosi ed indebiti pagamenti per spese non riconducibili ad adempimenti istituzionali e spese di rappresentanza o missioni del sindaco. In molti casi le spese poste a carico del comune sono risultate prive di ogni valida documentazione contabile o giustificativo e, nonostante ciò, sono state liquidate dal Dirigente cui competeva il relativo controllo.

In sostanza nel periodo in contestazione era invalsa – ad avviso dell’organo inquirente – per cui le spese effettuate con la carta di credito assegnata all’ex sindaco non venivano né rendicontate, né adeguatamente documentate, in spregio del preciso obbligo, che grava su chi spende pubblico denaro, di dimostrare in modo puntuale ed analitico di aver utilizzato le risorse della collettività in modo coerente con le finalità per le quali le predette somme sono state messe a disposizione degli amministratori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il convegno sugli extraterrestri e le cene con gli amici: ecco le spese contestate al sindaco

MilanoToday è in caricamento