rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Politica

Terzo Polo, scoppia il caso Palmeri: la coalizione fa quadrato su Tabacci

Api, Udc e anche Fli prendono nette distanze dalle dichiarazioni del consigliere di Fli sull'assessore al bilancio: aveva parlato di "gioco delle tre carte" e scarsa trasparenza

Bufera nel Terzo Polo, scoppia il "caso" Palmeri. La Serravalle infiamma lo schieramento di centro, in bilico tra la difesa dell'assessore Bruno Tabacci e la collocazione all'opposizione.

Motivo del contendere, la seconda asta su Serravalle andata a vuoto. E mentre la giunta milanese prepara di fatto la terza asta (questa volta "coinvolgendo" anche le azioni di Sea), il Terzo Polo prende nettamente le distanze dalle dichiarazioni di Manfredi Palmeri, consigliere comunale di Fli, che aveva attaccato molto duramente Tabacci. Che è sia assessore al bilancio della giunta di centro-sinistra di Giuliano Pisapia, sia deputato dell'Api e quindi del Terzo Polo.

L'assessore ha sempre dichiarato di essere in giunta a titolo personale, ma evidentemente si pone comunque un problema strategico per i partiti del Terzo Polo.

Palmeri aveva paragonato l'intera vicenda Serravalle al "gioco delle tre carte", ma soprattutto aveva accusato l'assessore e la giunta di scarsa trasparenza. E aveva anche chiesto che il sindaco (che si è tenuto la delega alle partecipate) venisse in consiglio comunale a riferire di persona.

Nella giornata di ieri, tutto il Terzo Polo ha preso le distanze da Palmeri. L'Api, il partito di Tabacci, sostiene che "le dichiarazioni di Palmeri non sono state concordate con nessuna delle componenti del Terzo Polo milanese". Anche l'Udc, con il coordinatore Enrico Marcora e il consigliere provinciale Alessandro Sancino, giudicano "gravi" le dichiarazioni rese da Palmeri. "Si pone - scrivono - in forte contrasto con Tabacci accusandolo di scarsa trasparenza. In occasione delle festività Palmeri dovrebbe fare chiarezza dentro e valutare se questa è la sua giusta collocazione politica".

E anche Fli, il partito di Palmeri, si distanzia. Il senatore Giuseppe Valditara e la coordinatrice milanese Barbara Ciabò scrivono che "le posizioni di Palmeri sono fatte a titolo personale e non esprimono la posizione di Fli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terzo Polo, scoppia il caso Palmeri: la coalizione fa quadrato su Tabacci

MilanoToday è in caricamento