menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il municipio di Cologno

Il municipio di Cologno

Tangenti Cologno, le intercettazioni: "Vado a parlare con l'assessore"

Il Pd coinvolto non per gli assessori ma per il dipendente della Sangalli, che fa parte della direzione metropolitana. Il segretario Bussolati: "Lo sospendiamo dagli incarichi"

Anche intercettazioni nel materiale a disposizione degli inquirenti, che martedì mattina hanno arrestato due assessori di Cologno Monzese (Raffaele Cantalupo, vicesindaco, e Maurizio Diaco) e anche altre due persone. Secondo l'accusa, sarebbe stato orchestrato un ricorso contro un bando per la gestione dello smaltimento dei rifiuti per far sì che il comune di Cologno lo annullasse per indirne un altro più remunerativo, che poi avrebbe dovuto vincere la Sangalli.

Un dialogo tra Patrizia e Giorgio Sangalli in particolare lo dimostrerebbe. "E' uscito Cologno? E' grassa?", chiede la donna al fratello che risponde: "Vado a parlare oggi con l'assessore, è bassa perché sono dei co...".

Il sindaco Mario Soldano si è subito detto esterrefatto. E Pietro Bussolati, segretario metropolitano del Pd, ha precisato che "il partito intende reagire con fermezza e tempestività di fronte a ipotesi di corruzione di amministratori pubblici", ma ha tenuto a precisare che i due assessori arrestati non fanno parte del Partito democratico: Diaco è dei Verdi, Cantalupo è socialista.

Membro della direzione metropolitana del Pd è invece Fortunato Deleidi, anche lui arrestato e dipendente della Sangalli. Bussolati l'ha segnalato all'organismo di garanzia interna in modo che venga immediatamente sospeso da tutti gli incarichi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento