Politica

Vacanze e viaggi in cambio di acquisti nella sanità: Formigoni a processo

Dopo la condanna per la Fondazione Maugeri, l'ex governatore va a processo per altri episodi

Formigoni in vacanza (Repertorio)

Quattrocentomila euro tra denaro, orologi di valore, spese per viaggi tra cui aerei privati e barche. Sono le presunte "utilità" che sarebbero state godute da Roberto Formigoni, ora senatore e all'epoca dei fatti presidente della Regione Lombardia, grazie all'ex consigliere regionale di Forza Italia Massimo Guarischi, successivamente diventato consulente di aziende nel campo farmaceutico e della sanità.

Ora, per questa vicenda, inizierà il processo il 15 gennaio 2018. Lo ha stabilito il gip Alessandra Del Corvo, che ha accolto la richiesta di rinvio a giudizio del pm Eugenio Fusco (che risale a giugno 2017). Nel frattempo Formigoni è stato condannato a sei anni di reclusione per corruzione riguardo al presunto giro di tangenti in Fondazione Maugeri.

L'accusa: tangenti in cambio di materiale sanitario

Secondo l'accusa, Formigoni si interessò direttamente per far acquistare dall'ospedale di Cremona e dall'istituto dei tumori di Milano uno specifico apparecchio diagnostico, con due delibere di giunta regionale. Formigoni si è sempre difeso dall'accusa, affermando di non avere ricevuto un solo euro. Ma la procura milanese contesta un orologio Bulgari da 3.500 euro, un viaggio in Sudafrica a capodanno, un aereo a noleggio per la Sardegna, altri viaggi in Croazia. 

Per la procura, questi viaggi non sarebbero stati pagati da Formigoni, che quindi li avrebbe ricevuti come "premio" per il suo interessamento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vacanze e viaggi in cambio di acquisti nella sanità: Formigoni a processo

MilanoToday è in caricamento