Lunedì, 21 Giugno 2021
Politica

Boni contro Formigoni sui ticket: "Io avrei fatto diversamente"

Il presidente leghista del consiglio regionale è critico sull'introduzione del ticket sanitario per fasce in Lombardia e prende ad esempio il modello veneto ma anche quello emiliano

Stamattina è arrivato l'affondo a ciel sereno dell'esponente della Lega Nord Davide Boni (che è presidente del consiglio regionale) contro il governatore Formigoni: "Io - ha affermato Boni - avrei fatto diversamente da lui".

Come è risaputo, dopo che il governo ha reintrodotto i ticket sulle prestazioni diagnostiche nelle strutture pubbliche, Formigoni ha deciso l'applicazione "per fasce", a seconda di quanto costano le prestazioni. Il nuovo modello è entrato in vigore l'1 agosto.

Boni è partito elogiando l'assessore Luciano Bresciani: "Bene ha fatto con la scelta tecnica per mettere al riparo la regione dai danni erariali". Ma poi ha proseguito: "E' mancato un passaggio politico come quello fatto da Zaia in Veneto, ma anche come hanno fatto in Emilia Romagna".

"In queste due regioni - ha concluso Boni - hanno scelto di riflettere più a lungo, congelando l'applicazione dei ticket. Anche perché in Lombardia il ticket lo paghiamo per debiti che non sono della regione Lombardia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boni contro Formigoni sui ticket: "Io avrei fatto diversamente"

MilanoToday è in caricamento