rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Panorami mozzafiato

Esperienze da brividi: il ponte tibetano più lungo al mondo e la passarella sospesa nel vuoto

Dossena, un luogo magico tutto da scoprire non lontano da Milano

Visitare Dossena, nel cuore della Valle Brembana, a meno di due ore d'auto da Milano, significa immergersi in un microcosmo ricco di storia, arte e cultura
incastonato nella incontaminata cornice naturale delle Prealpi Orobiche. Un luogo magico che offre anche due preziose attrazioni: Il ponte tibetano più lungo del mondo e la passerella sospesa nel vuoto.

Il ponte nel sole

Percorrere il Ponte Tibetano di Dossena è un’esperienza unica. Il Ponte nel Sole è un punto di vista inedito e mozzafiato sui paesaggi suggestivi delle Prealpi Orobiche, con le vette dei monti Grigna, Gioco e Alben, e il fondovalle di San Pellegrino. Il Ponte Tibetano di Dossena rappresenta una via aerea che recupera idealmente una parte del tracciato dell’antica Via Mercatorum, andata perduta in seguito alla realizzazione della strada provinciale che collega Dossena a Serina. Si parte dall’abitato di Dossena per raggiungere, tramite un sentiero di collegamento, l’ex area di tiro a volo Roccolo Corna Bianca. Dopo un breve brief sull’utilizzo di moschettoni e imbragatura, il Ponte nel Sole viene percorso in direzione del paese.

passerella il becco 2

Caratteristiche e sicurezza

1.200 pedate discontinue, per 505 metri di lunghezza, ad un’altezza massima di 120 metri dal suolo. Il ponte è del tipo a pedata discontinua e senza tiranti laterali. L’opera è realizzata con sette funi d’acciaio (due per il sostegno delle pedate intervallate dal vuoto, due per il corrimano e tre come funi di sicurezza). Il percorso è praticabile in piena sicurezza, indossando un’imbracatura e ancorati con due moschettoni: uno ancorato alla linea vita continua e l’altro “attacca e stacca”. L’accesso consentito anche ai bambini, a partire dai 12 anni di età.

La passerella sulla Val Parina

ponte tibetano dossena

Il “Becco” di Dossena è una passerella con libero accesso e gratuita a strapiombo su una falesia di circa 250 metri. Il Becco, così chiamato per la sua forma, si trova alla Culmine del Paglio, a due chilometri dal paese: si tratta di una passerella di 16 metri a strapiombo, con vista sulla Val Parina e sul monte Ortighera. L’opera è stata progettata dallo Studio “Fontana&Lotti Lorenzi – Ingegneri associati” e realizzata dalla ditta Fitzcarraldo SRL con un intervento durato circa 1 anno. Il progetto nasce con l’obiettivo di realizzare un punto panoramico che permetta di completare la valorizzazione del sistema delle aree minerarie di Dossena con una vista a cielo aperto della roccia, elemento che caratterizza in “sotterranea” il percorso di gallerie dismesse ed in corso di sistemazione.

Attraversando il “Becco” si proverà l’emozione di camminare nel vuoto e ammirando l’immensa “Area wilderness”, ovvero una zona rimasta selvaggia ed incontaminata dall’uomo per decenni. Il torrente “Parina”, da cui deriva il nome della vallata è un ambiente particolarmente suggestivo che caratterizza il suo tratto con diversi spettacolari fenomeni carsici quali “marmitte dei giganti” in marmo bianco. L’Area Wilderness ricade in parte nei limiti del Parco Regionale delle Orobie Bergamasche, per circa la sua metà (le pendici meridionali del Monte Ortighera).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esperienze da brividi: il ponte tibetano più lungo al mondo e la passarella sospesa nel vuoto

MilanoToday è in caricamento