← Tutte le segnalazioni

Disservizi

Selezione sui Jersey in Duomo

Piazza del Duomo · Duomo

"Forse non molti sanno che i jersey antiterrorismo in piazza Duomo sono stati dichiarati a suo tempo "muri liberi" da una precisa delibera comunale. In pratica ognuno può disegnarci quello che vuole, senza chiedere il permesso. E infatti su questi manufatti sono apparse nel corso del tempo varie scritte e graffiti, che nessuno ha mai sentito il bisogno di cancellare. A Natale qualcuno aveva pensato di utilizzare uno di questi muri "liberi" per esprimere le sue idee sulla pillola 486. Probabilmente anche come forma di protesta nei confronti della censura imposta dal Comune di Milano ai manifesti di ProVita (che denunciavano appunto queste pillole e i loro effetti). Ma evidentemente il pensiero unico di sinistra non poteva tollerare una scritta tanto "politicamente scorretta" in pieno centro di Milano. Quindi pochi giorni fa qualcuno ha deciso di "fare pulizia". Cosa di per sè stessa abusiva. Infatti che muri "liberi" sono se vengono cancellati? Non solo, ma come si vede dalle foto, la pulizia è stata "selettiva". E' stato infatti ripulito il jersey con la scritta contro la RU486. Ma non quelli a fianco. Come quello a sinistra, di stampo ecologista che recita "there is ni planet b" e che sta lì da anni. Insomma, più che una pulizia, si tratta di una vera e propria censura ideologica come quelle che si fanno nei regimi. Alla faccia dei muri "liberi"".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Lei sbagli, caro fascista. Nelle democrazie se uno scrive su un muro una svastica o una boiata come la quella sulla RU48 che probabilmente ha scritto lei, qualsiasi cittadino può andare a correggerla senza il timore che qualcuno possa fermarlo con manganello e olio di ricino. Sto leggendo con piacere tutti i suoi articoli e trovo un filo conduttore ricorrente su quello che per lei è il ruolo della donna: una subalterna senza diritti di libera scelta. Continuò a domandarmi come Today possa permettere che questa spazzatura sia pubblicata sul proprio sito.

Segnalazioni popolari

Torna su
MilanoToday è in caricamento