animali-domestici

Quanto deve mangiare un gatto

L’alimentazione dei gatti cambia a seconda di vari fattori, ma qual è la quantità giusta per soddisfare il fabbisogno di questi felini?

L'alimentazione del gatto dipende da diversi fattori, come l'età del pet, la dimensione e l'attività fisica.

Questi felini sono autonomi e riescono ad autoregolarsi con il cibo, però è importante che il padrone sappia quale tipologia di cibo dare al gatto e in quale grammatura.

Ma qual è la giusta dose di cibo da somministrare? Ovviamente, questo dipende dall'età del gatto, ossia se si tratta di un cucciolo oppure di un adulto. 

I cuccioli hanno bisogno del latte materno, ma se ciò non è possibile, occorre rivolgersi al proprio veterinario che saprà consigliare l’alternativa migliore, facilmente reperibile nei negozi di animali.

Lo svezzamento si inizia a 4 settimane di vita e, dopo questa fase, si può passare a introdurre cibo solido, come croccantini o umido.

Per sapere come gestire l'alimentazione del gatto, continua a leggere.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Visitare Milano in compagnia del proprio gatto: cosa fare e dove mangiare

  • Perché il gatto segue ovunque il proprio padrone?

  • Come prendersi cura dei pet quando si lavora: asili per cani a Milano

  • Ansia da separazione dei pet: come gestirla e affrontarla al meglio

  • Come organizzare un percorso agility per il proprio gatto, in casa o in giardino

  • Leishmaniosi canina: contagio, sintomi e cure

Torna su
MilanoToday è in caricamento