Cambiamenti climatici, Milano sede europea di C40

Il capoluogo lombardo ospita il Direttore regionale della rete internazionale dei Sindaci impegnati nella lotta ai cambiamenti climatici

Milano prosegue il suo percorso per diventare Smart City anche il vista dell’importante appuntamento dell’Expo 2015. L’ultimo passo in questa direzione è stato ospitare il Direttore per l’Europa di C40, Cristiana Fragola per discutere le prossime iniziative di collaborazione. Milano, infatti, oltre ad aver aderito a C40, è diventata anche sede regionale europea del network. C40, Cities-Climate Leadership Group, è una rete globale creata dai Sindaci che hanno in comune un grande obiettivo: realizzare progetti di sostenibilità a livello locale che aiutino ad affrontare i problemi legati ai cambiamenti climatici su scala globale. Nato nell’ottobre 2005 per volontà del sindaco di Londra Ken Livingstone, oggi il network, presieduto dal sindaco di New York Bloomberg, rappresenta circa l'8% della popolazione mondiale e il 21% dell'economia globale.
 

“Sono rimasto molto colpito dai successi dell’Amministrazione del Sindaco Pisapia per aver conseguito in un breve periodo di tempo importanti risultati grazie a iniziative low carbon quali il Piano integrato della mobilità di Milano e la congestion charge, che hanno generato una riduzione del traffico del 30% in meno di un anno. L’impegno della città per un ruolo di leadership sul fronte dei cambiamenti climatici è chiaro – ha dichiarato Rohit Aggarwala, Special Advisor del Presidente di C40, il Sindaco di New York Michael R. Blooomberg.  -  C40 è felice ed onorata di avere la sua sede regionale europea a Milano, la cui posizione centrale può aiutarci a proseguire l’azione di tutte le 19 città europee che fanno parte di C40”.
 

Si legge nella nota del comune che, il Direttore Regionale Europeo del C40, Cristiana Fragola, nella sede milanese, collaborerà con Milano e con altre 18 città europee per promuovere iniziative comuni e condividere best practices. L’interazione punta a far emergere processi innovativi e a favorire un maggiore afflusso di risorse finanziarie destinate a fornire servizi ancor più efficienti e una qualità di vita migliore ai cittadini e alle generazioni future, oltre che a ridurre i costi a carico delle amministrazioni attraverso l’implementazione di politiche di contrasto ai cambiamenti climatici.
 

Un grande onore per il capoluogo lombardo e per l’Italia tutta e soprattutto un’opportunità per la città di mettere all’attenzione delle altre metropoli le sue iniziative di successo come l’Area C, il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS), l’efficientamento energetico degli edifici e la raccolta dell’umido.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
MilanoToday è in caricamento