Green Globe Banking Award: proclamate le banche green 2013

Si è svolto il 13 giugno a Milano il consueto appuntamento con le migliori esperienze del green banking made in italy

In un periodo di crisi come quello che stiamo vivendo diventa sempre più necessario avviare una forma di sviluppo più sostenibile. Anzi, la sostenibilità diventa una delle vie più accreditate per poter uscire da questa crisi. Ma soprattutto per ritrovare quel rapporto con la Terra che l’uomo, preso dalla rincorsa verso uno sviluppo senza regole e a tutti i costi, ha tralasciato di perseguire. Anche il settore bancario si sta impegnando sempre più in questa direzione. Un esempio molto importante di ciò è l’evento Green Globe Banking che, giunto oramai alla sua settima edizione, attraverso il Green Globe Banking Award premia le banche più green.


 

È il primo premio italiano che coinvolge attivamente il settore bancario e finanziario a realizzare prodotti, attività ed investimenti ecoefficienti e sostenibili, volti alla tutela e alla valorizzazione del 'capitale naturale’ dei territori in cui operano. Ma il Green Globe non è solo il premio: è anche la Conference. Questa rappresenta il punto di riferimento in Italia per definire lo stato dell’arte del marketing bancario verde.  Il tema centrale di questa edizione è stato la Green Banking tra criticità nell'accesso al credito e sviluppo dei mercati della Green Economy: energia, smart city, agroalimentare, turismo sostenibile, edilizia ecoefficiente.


 

Ma torniamo al premio. Chi sono le banche verdi italiane? La categoria Impatti Diretti ha visto imporsi Impresa SanPaolo il suo progetto “Una filiale ad energia quasi 0”, secondo le motivazioni espresse dal comitato scientifico, “è una dimostrazione concreta della volontà aziendale di considerare la tutela ambientale un obiettivo strategico da perseguire anticipando la Direttiva Europea che prevede la realizzazione di edifici ad energia quasi 0 a partire dal 2020. La lungimiranza di un istituto leader come Intesa non solo è un segnale forte a tutto il mondo bancario in tema di salvaguardia ambientale, ma è anche una concreta via per sviluppare elementi di nuova competitività aziendale attraverso le risorse economiche generate da efficienza energetica, riduzione dei consumi e degli sprechi».


 

A Deutsche Bank e Banca di Credito Cooperativo di Roma sono andati il secondo e il terzo posto. Per la categoria impatti indiretti, invece, la vincitrice è la Banca di Credito Cooperativo di Castagneto Carducci con il progetto “Tu, la tua Banca e il Territorio- green deposit”. Il secondo e il terzo posto sono andati a Banca Popolare di Vicenza e Cassa di Risparmio di Asti. 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
MilanoToday è in caricamento