lavoro

Lavoro post Covid-19: agenzie per il lavoro fanno squadra per il rientro in sicurezza

L'emergenza sanitaria scoppiata in Italia come nel resto del mondo ha provocato gravi conseguenze anche sul mondo economico-occupazionale. Un'alleanza per favorire la ripartenza

Il 4 maggio 2020 (con l'inizio della fase due) è una data destinata ad essere inserita nei libri di storia contemporanea. Dopo due mesi di restrizioni, di aziende e attività commerciali chiuse e di limbo a causa dell'esplosione della pandemia da Covid-19, gli italiani sono tornati a guardare avanti. 

L'emergenza Coronavirus ha messo a dura prova chi è stato contagiato, e ha lottato per vincere la malattia, ma anche chi si è trovato a fare i conti con la chiusura di negozi ed aziende.

La situazione è incerta: la riapertura delle aziende è graduale, la cassa integrazione è la scelta per la maggior parte delle imprese. Tra bonus per le partite IVA e ammortizzatori sociali, scuole che rimangono chiuse, contagi che non stanno frenando in maniera decisiva e tanti punti interrogativi, presente e futuro fanno paura. In questa situazione c’è una sola cosa certa: il mondo del lavoro non sarà più lo stesso.

Per limitare la recessione economica e garantire la possibilità di sostentamento a tutti i lavoratori, sarà imperativo adattarsi velocemente a questa nuova realtà.

A tal proposito The Adecco Group, azienda leader nel settore delle risorse umane a livello globale, Randstad NV e Manpower Group, hanno deciso di fare squadra per portare un contributo utile e funzionale al processo di preparazione alla nuova normalità, accelerando il rientro in sicurezza di dipendenti e datori di lavoro.

Risulta infatti necessario un intervento immediato  per essere pienamente preparati, quando sarà il momento, a riportare i lavoratori al loro posto in totale sicurezza, evitando di aumentare il rischio di contaminazione.

Le tre agenzie per il lavoro hanno pubblicato un paper dedicato al rientro al lavoro in sicurezza: “Tornare a lavorare in sicurezza” scaricabile da QUI.

Le tre realtà hanno quindi dato vita ad un sodalizio che mira a sollecitare i governi al supporto e alla promozione di questo impegno perché, si sa, più a lungo si protrarrà questa situazione e maggiore sarà l'impatto sull'intero sistema economico del Paese. Alla partita saranno invitati a collaborare anche imprese, sindacati e ONG perché: "il momento di unirsi e agire è adesso".

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
MilanoToday è in caricamento