rotate-mobile
Sport Forum di Assago 20090 Assago MI

Il 2014 dell'Ea7 si chiude con la vittoria contro Capo d'Orlando

I milanesi, davanti a 11mila spettatori, hanno asfaltato la formazione sicula. 98-69 il risultato dopo quaranta minuti di gioco

L’Olimpia approccia l’ultima partita interna del 2014, davanti a oltre 11.000 spettatori, con il piglio giusto della squadra che non vuole prendersi rischi. Capo d’Orlando mette la testa avanti solo un attimo, a conclusione di un parziale di 8-0 firmato dalla coppia Freeman-Henry. Ma – appunto – è solo un attimo, poi l’EA7 spacca la partita a rimbalzo, concede poco difensivamente ed esegue bene in attacco, distribuendo responsabilità ed energie. Arriva la settima vittoria conseutiva in campionato, la numero 24 in casa in regular season. Si chiude con Fumagalli e Villa, il back-court della Under 19, in campo assieme. Villa si prende anche il lusso di segnare da tre il primo canestro in Serie A della sua carriera. 98-69 alla fine.

IL PRIMO TEMPO – L’Olimpia parte approfittando degli spazi concessi dall’Upea ai tiratori per segnare le prime quattro triple della gara (due di Melli). Dopo tre minuti Griccioli chiama time-out perché l’EA7 è scattata avanti 13-6. Freeman e un paio di errori al tiro permettono a Capo d’Orlando di produrre un 6-0 che viceversa spinge Coach Banchi a fermare la partita sul 13-12. L’Upea va anche avanti su un jump corto sempre di Freeman, ma la risposta arriva con due canestri consecutivi (gancio e poi schiacciata) di Samuels. L’Olimpia allunga sul +7 e chiude il primo quarto avanti 27-21. Joe Ragland nel secondo quarto prende in mano la squadra in attacco, Shawn James lo sostiene in ambedue le aree. Arrivano due palle rubate da Cerella e una da Moss che segna nove punti di fila. Il vantaggio si dilata a 18 punti e a venti dopo una schiacciata tremenda da rimorchio di Melli che di fatto chiude il primo tempo (51-31).

IL SECONDO TEMPO - La tripla di Brooks in avvio di ripresa genera il massimo vantaggio, di 23 punti, ma Capo d’Orlando ha una buona reazione di orgoglio lancata da una tripla frontale di Soragna, si riavvicina a meno 15. Dura poco, Samuels segna, Brooks aggiunge un’altra bomba e con 12 minuti da giocare l’EA7 ripristina 21 punti di margine sul 65-44. Qui l’Upea si perde un attimo, l’Olimpia insiste con un Samuels che domina dentro l’area. Alla fine del terzo periodo cinque uomini sono in doppia cifra ma l’Olimpia è esplosa a più 27, 71-44. Così il quarto periodo diventa un’esibizione in cui trova meritato spazio anche Angelo Gigli (Fonte: OlimpiaMilano.com).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il 2014 dell'Ea7 si chiude con la vittoria contro Capo d'Orlando

MilanoToday è in caricamento