menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'Olimpia ha battuto pesaro (foto Ea7)

L'Olimpia ha battuto pesaro (foto Ea7)

L'Olimpia demolisce Pesaro

I milanesi, nonostante l'assenza di Moss e Gentile, si sono imposti con forza su Pesaro. Dopo quaranta minuti di gioco il tabellone segnava 96-61

Nonostante l’assenza di David Moss e un Alessandro Gentile al rientro dopo nove giorni di stop, a dispetto del poco tempo per recuperare dalla trasferta di Barcellona, l’Olimpia contro Pesaro fa tutto per bene. Ha solo un momento di pausa a cavallo tra primo e secondo quarto quando permette all’avversario di rientrare a meno uno, ma poi allunga decisamente, distribuisce bene tiri e responsabilità e vince in modo convincente, permettendosi anche di risparmiare Samardo Samuels dopo 11’30″ giocati segnando oltre un punto al minuto. Il finale è 96-61.

IL PRIMO TEMPO - L’Olimpia parte forte, segna in tutti i primi cinque possessi e dopo 2’25″ è avanti 11-2 con sei punti di Samuels che costringe coach Dell’Agnello a spendere il primo time-out. Il vantaggio sale a quota 12, sul 18-6 con l’Olimpia in controllo e Samuels dominante dentro l’area (10 nel primo quarto). Ma poi la difesa ha un calo di tensione, Basile segna sei punti consecutivi, Musso compie una prodezza e allo scadere del periodo, Pesaro risale a meno quattro, sul 26-22. Poi si presenta nel secondo con una tripla di Musso e un lungo jump di Ross e si incolla a meno uno, 28-27. L’Olimpia prima spara un veloce 6-0 con canestro di Ragland in contropiede, poi subisce una sfuriata di Anthony Myles che le impedisce di allungare e infine allunga sul serio in un passaggio che include un alley-oop di Gentile per la schiacciata di Brooks e un’altra schiacciata tonante di Shawn James. Alla fine del primo, con tre uomini in doppia cifra, l’EA7 è avanti 50-36.

IL SECONDO TEMPO – L’Olimpia aggredisce anche la ripresa: quando Melli centra la sua seconda tripla, l’EA7 scollina oltre i venti punti di vantaggio, 60-39, e Dell’Agnello deve fermare la partita. Alla ripresa del gioco, LaQuinton Ross segna due volte da tre, la seconda in transizione dopo una palla persa di Ragland, e riavvicina Pesaro a meno 15 costringendo Coach Banchi stavolta a chiamare time-out. Brooks segna da tre dall’angolo, James esegue una stoppata clamorosa e lancia la penetrazione di Ragland che ristabilisce l’ordine. E a quel punto l’ultimo quarto diventa una passerella (fonte: OlimpiaMilano.com).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Coprifuoco a mezzanotte: l'ipotesi da metà maggio

  • Cronaca

    Una persona è morta travolta da un treno a Milano

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento