menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una immagine della partita (foto Ea7)

Una immagine della partita (foto Ea7)

Olimpia inarrestabile: "demolita" Reggio Emilia

I biancorossi hanno vinto la gara di domenica contro Reggio Emilia. È l'undicesima vittoria consecutiva dei milanesi

Sono undici adesso le vittorie consecutive dell’Olimpia che mette in fila le rivali in classifica, vince la settima gara consecutiva contando l’Eurolega, la sesta in trasferta, la settima su sette nel girone di ritorno e lo fa sul campo di una squadra che in casa finora aveva sbagliato solo una volta. E nel secondo tempo, dopo aver chiuso a meno 17 il primo, Reggio Emilia fa capire perché al PalaBigi è complicato vincere. Esplodendo al tiro produce un terzo periodo da 25 punti e con quello ricuce un vantaggio che aveva toccato i 18 nella prima parte del quarto. Così di fatto l’Olimpia è stata costretta a rivincere la gara una seconda volta, o quasi.  Il finale è 82-78.

IL PRIMO TEMPO - Andrea Cinciarini segna da due metri il jump del primo canestro ma poi il primo quarto passa di mano. L’Olimpia attiva Samardo Samuels vicino a canestro, Langford segna un paio di volte dalla lunga e il vantaggio sale tre volte a otto punti, anche se Reggio Emilia risponde sempre, l’ultima volta con un alley-oop trasformato da Gigli. Samuels firma 10 punti nel primo periodo che finisce 22-14 Olimpia. Nel secondo quarto è Rimas Kaukenas a prendersi sulle spalle l’attacco di Reggio Emilia, segna tre volte di fila, l’ultima con un jump lunghissimo e riavvicina la sua squadra a meno otto punti dopo che il vantaggio era schizzato a quota 12 dopo una tripla di Jerrells (29-17). Alessandro Gentile ferma il momento di difficoltà con un assist per Lawal e cinque punti filati. Quando Jerrells segna in penetrazione, l’EA7 è avanti di 15, 36-21. Il divario più ampio è 18 punti, sul 45-27, lunghissimo jump di Gentile allo scadere dei 24″ che gli vale un quarto da 11 punti. Alla fine del secondo periodo, è +17 Olimpia con il buzzer-beater dalla media di Jerrells, anche lui in doppia cifra.

IL SECONDO TEMPO - Keith Langford ruba due palloni a Kaukenas, segna due volte da tre ma sul secondo canestro si accende il Pala Bigi, lui viene beccato dal pubblico, la panchina si vede sanzionato un fallo tecnico e il +19 del massimo vantaggio in un attimo si trasforma in +13 sul 55-42. Qui Reggio Emilia cambia passo in attacco, trova 8 punti consecutivi di Troy Bell, un jump dalla lunga di Gigli e si riporta due volte a meno nove, l’ultima allo scadere del quarto, 66-57 Olimpia. Nel quarto, Troy Bell trova un altro jump ad altissimo coefficiente di difficoltà dalla media e riporta Reggio Emilia a meno sette. Allo scadere dei 24″ Kangur risponde con una tripla per il 69-59. Segna Cervi in tap-in e poi su un’imponente stoppata di Langford su Bell, Kaukenas corregge a rimbalzo d’attacco per il 69-63 che forza il time-out di Coach Banchi. Lawal ferma il momento con un 2/2 dalla linea. Poi ci pensa Hackett con il primo canestro della sua gara e il 73-65 cui risponde ancora Cinciarini. Lawal ne mette ancora due a 3’16″ dalla fine ma lo stesso fa Kaukenas. E poco dopo Cinciarni da tre trasforma la gara in una partita da singolo possesso. Hackett prende fallo sulla penetrazione, mette i due liberi e allunga 77-72 ma Kaukenas mette due liberi irretendo nel fallo Moss. A 32″ però ancora Langford con una tripla da destra firma la fuga sull’80-74. Poi è la solita battaglia di tiri liberi nella quale l’EA7 tiene (fonte: OlimpiaMilano.com).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento