Sport

Derby: l'Olimpia asfalta Varese

I ragazzi di coach Banchi, senza Alessandro Gentile e Daniel Hackett, si sono imposti per 105-97. Grande prestazione di Shawn James

Un'immagine della partita (foto E7)

Non proprio una vittoria stile Olimpia perché è stato un derby dominato dagli attacchi e non dalle difese ma l’Olimpia che l’ha controllato dall’inizio si è trovata a gestire una situazione di potenziale crisi quando dal +11 si è trovata sotto di uno su un gioco da quattro punti di Callahan. Ma ha risposto alla grande adattandosi allo spirito della partita. Joe Ragland ha segnato il canestro che ha sparigliato la gara e poi Brooks ha finito il lavoro dalla lunetta con quattro liberi di fila. Derby degno della storia per il punteggio anomalo, per l’espulsione di Gianmarco Pozzecco nel primo tempo, per la prova monumentale di MarShon Brooks e la situazione di enorme emergenza in cui si è trovata l’EA7. Priva di Alessandro Gentile (oltre che ovviamente di Daniel Hackett), all’ultimo momento ha perso Linas Kleiza (caviglia, ultimo allenamento) e rischiato di giocare senza David Moss che nella notte a Chicago aveva perso la nonna, non aveva dormito ma ha voluto andare in campo lo stesso. Chirurgico, enorme Nicolò Melli. Prima prova significativa di Shawn James. Da segnalare che Brooks non è mai uscito dal campo.

IL PRIMO TEMPO - L’Olimpia, pur cortissima nelle rotazione, attacca la partita con personalità, firma subito un 7-0 nel quale ci sono cinque punti veloci di Ragland. Varese si aggrappa a Diawara: è lui con una tripla a siglare il pareggio a quota 12. Ma l’EA7 è ancora in discreto controllo, Ragland segna 11 punti nel primo periodo e anche la coppia James-Samuels si impone sotto canestro, anche in difesa. Una schiacciata tonante di Samuels vale il 23-17 della fine del quarto. L’Olimpia, che ha anche problemi di falli con Moss (cui viene sanzionato un antisportivo insieme a Eyenga) e James, tocca il massimo vantaggio sul più otto a inizio secondo quarto (Brooks) e poi di nuovo sul 30-22 quando sempre Brooks dopo una clamorosa stoppata va in arresto e tiro dalla media. La tripla di Meacham significa il nuovo massimo vantaggio di nove punti ma è invalidata subito da una bomba di Diawara e poi da una penetrazione di Willie Deane. Proprio Deane sbaglia la schiacciata del meno uno, l’Olimpia risponde con un 5-0 generato da una tripla di Melli e due liberi di Samuels. Su un fallo fischiato a favore di Samuels, coach Pozzecco protesta, prende il secondo tecnico e viene espulso. Samuels e Ragland segnano dalla linea, Melli da tre per il 43-34. Ma subito dopo Okoye pesca un jolly allo scadere dei 24″ e a Ragland fischiano un tecnico per proteste. Il tempo si chiude con un 6-0 Varese per il 43-40 EA7.

IL SECONDO TEMPO - Il terzo quarto è inusuale, perché le squadre segnano a raffica, le percentuali si impennano e le difese sono in soggezione. Il vantaggio dell’Olimpia si amplia e si riduce a ripetizione. Brooks segna 13 punti in sette minuti. Coach Banchi è costretto a dare un passaggio in panchina a Melli per stanchezza e sperimenta la formula dei due lunghi, James e Samuels insieme. Ragland commette il quarto fallo e deve fare spazio a Meacham che però ne ha tre. sul più quattro, Brooks intercetta un passaggio ma non lo controlla. La palla finisce a Diawara che da dieci metri pesca un jolly che è un mix di fortuna e talento estremo. Per Varese è il meno uno. A Samuels fischiano un tecnico per proteste e Varese può superare per la prima volta dopo 29 minuti sul 71-70. Brooks con una tripla fantastica chiude il terzo quarto restituendo all’Olimpia due punti di vantaggio, 73-71. Nel quarto periodo l’Olimpia allunga con decisione prima sfruttando la seratona di Brooks, poi un gran periodo di Meacham e i siluri di Melli. Il vantaggio arriva a quota 11, 84-73 su una tripla dall’angolo di Cerella. Ma qui qualcosa si inceppa, forse anche la stanchezza incide. A Samuels fischiano il quarto fallo su una stoppata e il quinto fallo in attacco quando aveva segnato, a Melli due strane infrazioni. Diawara mette un’altra tripla incredibile che dopo due canestri di Ed Daniel significa l’improvvisa parità a quota 89. Melli segna la quinta tripla ma Callahan risponde e prende anche il fallo di James per il gioco da quattro punti del sorpasso. Qui la partita diventa entusiasmante perché Melli segna un grande arresto e tiro dalla media, Daniel segna in taglio, Brooks mette un’altra tripla incredibile. Rautins riesce a liberarsi e lo imita. Il punteggio è 97 pari, quando la tripla di Brooks è sputata dal ferro, James controlla il rimbalzo, apre per Ragland che segna il 100-97. poi la difesa alza un argine. Brooks dalla lunetta (Fonte: OlimpiaMilano.com).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Derby: l'Olimpia asfalta Varese

MilanoToday è in caricamento