Basket: ltc sangiorgese coach albanesi presenta la sfida con spilimbergo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Vigilia di campionato in casa della LTC Sangiorgese che domani sera sarà di scena in trasferta a Spilimbergo. Archiviata la sconfitta interna con Lecco, coach Albanesi ha lavorato in settimana con i suoi ragazzi con l'obbiettivo di trovare gli equilibri giusti per affrontare al meglio la stagione, partendo proprio dalla gara con i friulani.

Come è andata questa settimana in palestra?

-in settimana abbiamo analizzato la sconfitta di domenica facendo profonda autocritica. Abbiamo avuto un atteggiamento troppo remissivo e dimostrato poca personalità. Dò ai ragazzi l'attenuante dell'emozione per l'esordio ma dobbiamo dimostrare fin da subito più coraggio, determinazione e personalità.

Che cosa hai detto ai tuoi ragazzi e su cosa avete lavorato?

-abbiamo lavorato molto sull'aspetto difensivo e sull'aspetto mentale. Una squadra che si deve salvare non può permettersi di essere "molle" in difesa e poco coraggiosa in attacco. Se l'aspetto tecnico può migliorare di giorno in giorno, quello mentale necessita di molto più tempo che purtroppo non abbiamo in un campionato di così alto livello.

Anche Spilimbergo è reduce da una partenza falsa sconfitta contro Pordenone, cosa ti aspetti? Come hai preparando la partita e cosa temi di più dei tuoi avversari? Un nome su tutti Magini autore di 23pt contro Pordenone, che contromosse hai previsto?

-Spilimbergo è cambiata radicalmente dallo scorso anno, ha in Magini l'esterno più pericoloso e Bei è un'ala pivot molto fisica e atletica con anche un buon tiro da 3 punti. Non bisogna dimenticare che domenica scorsa hanno giocato senza Jovancic, un giocatore di talento molto importante per loro. In questo momento comunque dò relativa importanza all'aspetto tattico e all'avversario, dobbiamo guardare in casa nostra per costruire il prima possibile i nostri equilibri e la nostra identità.

In linea con le idee del loro coach, i Draghi proveranno a rialzare subito la testa cercando di mettere in campo tutte quelle doti e quelle qualità che sono mancate nel match interno con Lecco. Sarà sicuramente una trasferta difficile ed impegnativa nella quale i blu arancio dovranno farsi trovare subito pronti e combattivi.

Massimiliano Lini

Torna su
MilanoToday è in caricamento