rotate-mobile
Basket

Serie A2: Urania che gioia, la Wegreenit sbanca Verona dopo due overtime

Con una clamorosa e straordinaria rimonta la Wegreenit Urania Milano sbanca, dopo due overtime, Verona

Con una clamorosa e straordinaria rimonta la Wegreenit Urania Milano sbanca, dopo due overtime, Verona, 116-125. Dopo essere stati sotto più volte in doppia cifra i Wildcats azionano il turbo nel quarto periodo e forzano il supplementare prima di vincere dopo il secondo prolungamento. Gara da incorniciare per la truppa di coach Davide Villa: Beverly ed Amato fondamentali nel recupero dei regolamentari e nel primo overtime, Montano, Lupusor e Potts producono fiammate importanti, Severini sigilla una tripla preziosa, Landi è semplicemente l’MVP con 32 punti e 9 rimbalzi a referto. Non basta alla Tezenis un monumentale Buva, 41 con 10 rimbalzi.

LA GARA

Polveri bagnate in avvio per la Wegreenit che fatica a trovare armonie offensive, Verona punisce gli ospiti con due comodi canestri di Buva sotto canestro, 6-0. Prova a mordere in difesa Urania ma restano intatti i problemi in attacco, è il neo entrato Beverly a siglare i primi punti rossoblu, 10-2. Gli esterni milanesi soffrono la pressione dei pariruolo gialloblu, Amato e Potts cercano di scuotere i Wildcats, immediata risposta dal perimetro di Buva ed Esposito, 16-8. Più convincente la truppa di coach Villa che sembra prendere fiducia, è in area colorata il rebus di difficile soluzione per i lunghi della Wegreenit, 23-14. Arriva anche il margine in doppia cifra per la Tezenis, Potts e Montano con una fiammata tengono in corsa Urania alla prima sirena, 32-23. Break promettente dei Wildcats in apertura di secondo quarto, Landi dall’angolo sigilla il meno 4, 32-28. Combatte Milano che trova anche punti preziosi da Severini, è ancora un rovente Landi a sigillare il meno 1 con due bombe da distanza siderale, 37-36. Ancora l’ex forlivese in grande evidenza che converte un rimbalzo d’attacco nel canestro del sorpasso, Verona reagisce e ritrova verve offensiva, Esposito, Stefanelli e Buva riaccendono il pubblico di casa, 48-40.

Momento difficile per i Wildcats, dal meno 10 due giocate alla David Copperfield di Montano ed un botto di Severini incartano il sorpasso sulla sirena di metà gara, 52-53. Anche dopo la pausa lunga Tezenis combattono Piunti e compagni, un discutibile antisportivo ad Amato riporta avanti i padroni di casa, 57-56. Fase confusa del match, un paio di banali palle perse di Milano che vede aumentare i falli, 4 per Piunti dopo i 3 di Beverly nel primo tempo. Metro arbitrale punitivo per i Wildcats, i veneti ringraziano e tornano a più 8 con il solito Buva in evidenza, 64-56. Blackout milanese che ricorda quello di inizio gara, Beverly interrompe il 14-0 gialloblu. Luna park veronese che prosegue però senza sosta, Murphy schiaccia il più 12, 72-60. Urania si aggrappa a Beverly e Montano, altre decisioni poco amichevoli nei confronti degli ospiti, Verona è a più 10 a fine terzo quarto, 81-70 di Gaich. Si innervosisce la Wegreenit, con lucidità la Tezenis scappa via a più 15, 85-70. Con orgoglio gli ospiti cercano di rientrare, Amato di puro talento ispira il parziale rossoblu, Beverly in contropiede per il meno 6, 85-79. Verona come sempre cerca con insistenza Buva, Milano non molla, rabbioso parziale sull’asse Potts-Landi-Amato, del play rossoblu il siluro del meno 2, 93-91. C’è la palla del sorpasso ma Amato mette sul primo ferro la tripla, Stefanelli punisce Milano con la bomba del più 4, 97-93.

Ultimo minuto da brivido: Beverly mette due liberi, la zona press di Urania strappa un recupero, Landi impatta dalla lunetta. Verona ha l’ultimo possesso, Landi mura Buva ed è overtime, 97-97. Il tandem Beverly-Amato è on fire anche in avvio di overtime, anche una tripla per il centro ex Brescia prima di uscire di scena per falli, 102-104. Buva impatta ed è Stefanelli a rompere l’equilibrio della sfida con un 2+1, 107-104. Urania ha un cuore infinito, Severini per l’ultima parità, Buva spreca, Amato deraglia, è secondo supplementare, 109-109. Battaglia anche nel secondo prolungamento ma Milano ne ha di più, Montano e Landi lanciano la Wegreenit che chiude con un clamoroso crescendo, 116-125.

Tezenis Verona - Wegreenit Urania Milano 116-125 (32-23, 20-30, 28-17, 17-27, 19-28)

Tezenis Verona: Ivan Buva 41 (10/17, 3/4), Ethan Esposito 15 (2/6, 3/5), Francesco Stefanelli 14 (2/8, 2/6), Liam Udom 10 (2/8, 2/4), Lorenzo Penna 10 (1/4, 2/3), Kamari Murphy 9 (4/4, 0/1), Nemanja Gajic 7 (2/2, 1/2), Giulio Gazzotti 5 (1/2, 1/2), Saverio Bartoli 5 (2/2, 0/0), Mouhammed falilou Mbacke 0 (0/0, 0/0), Vittorio Bartoli 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 22 / 27 - Rimbalzi: 37 13 + 24 (Ivan Buva 10) - Assist: 25 (Lorenzo Penna 8)

Wegreenit Urania Milano: Aristide Landi 32 (1/2, 6/11), Gerald Beverly 23 (7/10, 1/1), Andrea Amato 17 (3/5, 3/11), Giddy Potts 12 (2/4, 2/6), Ion Lupusor 12 (5/5, 0/0), Matteo Montano 12 (0/1, 2/3), Giovanni Severini 8 (1/2, 2/5), Giorgio Piunti 5 (1/2, 1/1), Davide Bonacini 4 (1/2, 0/0), Matteo Cavallero 0 (0/0, 0/0), Theo Anchisi 0 (0/0, 0/0), Samuele Solimeno 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 32 / 36 - Rimbalzi: 31 6 + 25 (Aristide Landi 9) - Assist: 20 (Andrea Amato 8)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie A2: Urania che gioia, la Wegreenit sbanca Verona dopo due overtime

MilanoToday è in caricamento