rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
Basket

Un'Olimpia sempre in controllo vince gara-2 dei quarti playoff. Messina: "Approccio iniziale migliore"

Melli e Shields inarrestabili, l'EA7 batte la Dolomiti Energia Trentino e pareggia la serie sull'1-1: la cronaca, il tabellino e gli highlights

La sua Gara 2 l’Olimpia l’ha costruita nel primo periodo, ha accumulato subito un vantaggio importante, com’era accaduto in Gara 1, ma questa volta l’ha conservato, anzi amplificato, toccando il più 23 in una ripresa che ha riservato pochi momenti di difficoltà comunque superati brillantemente nel 104-93 conclusivo.

Trento ha dimostrato di avere due guardie in un momento di grande ispirazione, in coppia oltre i 40, e grazie a loro ha tenuto orgogliosamente fino in fondo evitando di sprofondare e anzi tenendo un po’ in apprensione l’Olimpia quando la partita era stata vinta ma rischiava di riaprirsi.

L’Olimpia ha giocato a ritmo elevato, ha tirato benissimo, in modo persino superbo nel primo periodo, e ha anche distribuito 26 assist. In più tutti hanno dato qualcosa, o addirittura molto, e non ci sono stati scompensi quando in campo sono andati gli uomini del secondo quintetto

MESSINA: "LA CHIAVE E' MUOVERE PALLA CON VELOCITA'"

Coach Ettore Messina ha commentato così la vittoria di Gara 2: “Abbiamo avuto un approccio iniziale molto diverso da quello di Gara 1, molto più solido in difesa nel primo quarto almeno, abbiamo accumulato subito un buon vantaggio e da quel momento è ovvio che la partita è diventata più agevole. In attacco siamo andati a giocare molto in post basso, come dice il numero di tiri da due presi. Adesso ci prepariamo a Gara 3. Non credo che rispetto ad oggi cercheremo di abbassare i ritmi perché non credo che giocherebbe a nostro favore. Indipendentemente dal ritmo, penso che la chiave per noi sia muovere la palla con velocità. Se lo facciamo siamo più efficaci. Oggi abbiamo anche controllato qualche rimbalzo pulito e da quelli abbiamo potuto avanzare la palla in fretta e correre di più. Al tempo stesso, dovremo cercare di fare meglio in difesa, anche se loro hanno queste due guardie, Hubb e Baldwin, sicuramente di alto livello, che giocano i loro isolamenti con percentuali buone”.

LA PARTITA

La cronaca (Fonte Ufficio Stampa LBA) - L’avvio di partita è tutto un Melli – show, con il capitano dell’Olimpia capace di segnare da ogni distanza ma, dopo aver subìto un break di 8-2 in avvio, le triple di Alviti (8 punti) e Mooney (10 punti e 4 assist) tengono incollata una coriacea Trento (10-8). Successivamente, Melli (18 punti, 9/10 al tiro, 6 rimbalzi, 21 di valutazione) continua a dominare nel pitturato e i compagni sono poi bravi anche a trovare nel pitturato Mirotic (10 punti e 4 assist) e Hines (10 punti), annullando così gli effetti dei canestri rapidi in transizione di Baldwin (22 punti, 8/12 al tiro, 4 rimbalzi, 7 assist, 30 di valutazione) e Hubb (20-16).

Dopo un paio di guizzi del neoentrato Ellis (8 punti), l’EA7 Emporio Armani spinge sul pedale dell’acceleratore e chiude il quarto d’apertura con uno spettacolare break di 15-2 caratterizzato dai canestri dalla distanza degli ex Flaccadori (9 punti) e Shields (28 punti, 11/16 al tiro, 5 falli subiti, 5 assist, 37 di valutazione) e dalle incursioni di Napier per il 35-20 dopo 10’ di partita. Con una tripla di Hall (11 punti) e un’altra sgasata di Napier, Milano aggiorna poi il suo massimo vantaggio sul +18, Baldwin e Biligha (9 punti) provano dall’altra parte a caricarsi la Dolomiti Energia sulle spalle ma Hall dalla media e i centimetri di Voigtmann e Melli continuano a fare la differenza, costringendo coach Galbiati al timeout (46-27).

Grazie agli inarrestabili Melli e Shields, Milano va anche oltre quota 20 lunghezze di vantaggio, l’orgoglio di Hubb (22 punti) e Mooney si fa comunque sentire con delle importanti triple in casa bianconera ma ancora Shields, ancora dall’arco, fa festeggiare l’Unipol Arena con la bomba del 56-37. Al termine del tempo, Baldwin di potenza e un paio di tagli di Cooke Jr. (7 punti) capitalizzano le ottime azioni trentine ma l’ondata meneghina non si ferma, dato che Shields è letteralmente inarrestabile dal palleggio e una coppia di liberi di Napier ristabilisce il +19 a tabellone. I 20’ iniziali si chiudono poi con un fallo subito e i liberi realizzati da Quinn Ellis, mandando le squadre negli spogliatoi sul 65-48.

In avvio di ripresa la musica del match non cambia: sono sempre Baldwin e Forray che cercano di tenere viva Trento ma una schiacciata di Melli e uno show a tutto tondo di Shields sulle due metà campo fanno proseguire la grande serata offensiva dell’Olimpia (76-53). La Dolomiti Energia mostra però tutto il proprio carattere con Baldwin e Hubb a firmare uno 0-9 di break immediatamente interrotto dai giochi a due tra Hall e Hines e dalla tripla ben costruita e segnata da Tonut (7 punti e 4 rimbalzi) per l’87-64 dopo 30’ di partita.

Negli ultimi 10’ di partita, Hommes da sotto e sia Mooney che Hubb dall’arco approfittano di un minimo calo dell’intensità e Cooke Jr. accorcia le distanze riportando anche Trento al di sotto delle 20 lunghezze di svantaggio, prima che Mirotic e Ricci chiudano ulteriormente la contesa con due triple. Proprio Baldwin e Hubb (assieme all'orgoglio di Alviti e Forray), infine, rendono meno amaro il passivo conclusivo della Dolomiti Energia con i loro eccellenti canestri in 1vs1, chiudendo il match sul 104-93.

IL TABELLINO

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO – DOLOMITI ENERGIA TRENTINO 104-93 (35-20, 30-28, 22-16, 17-29).

Olimpia Milano: Bortolani n.e, Tonut 7, Melli 18 (6 reb), Napier 6 (7 ast), Ricci 3, Flaccadori 9, Hall 11, Caruso n.e, Shields 28 (5 ast), Mirotic 10, Hines 10, Voigtmann 2. Coach Messina.

Aquila Trento: Ellis 8, Hubb 22, Alviti 8, Conti n.e, Forray 3, Cooke 7, Diarra n.e, Biligha 9, Mooney 10, Hommes 4, Baldwin 22. Coach Galbiati.

GLI HIGHLIGHTS

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un'Olimpia sempre in controllo vince gara-2 dei quarti playoff. Messina: "Approccio iniziale migliore"

MilanoToday è in caricamento