rotate-mobile
Basket

LBA, l'Olimpia usa tutti i 12 giocatori a referto e coglie la sesta vittoria consecutiva

La squadra di Messina ha vinto con la difesa e poi con le giocate che servivano in attacco, anche senza tanta continuità di rendimento

L’Olimpia Milano gioca la sua partita, usando tutti i 12 giocatori a referto e coglie la sesta vittoria consecutiva in campionato, 69-55 il finale, resta immacolata nel girone di ritorno, e adesso si prepara alle Final Eight di Coppa Italia.

Ha vinto con la difesa e poi con le giocate che servivano in attacco, anche senza tanta continuità di rendimento.

Ha avuto momenti di difficoltà nel primo quarto con troppe palle perse e rimbalzi offensivi concessi, ma quando ha sistemato soprattutto il problema dei rimbalzi (12 quelli di Nicolò Melli) ha assunto il controllo delle operazioni e giocato un secondo tempo tranquillo.

LA PARTITA

La cronaca (Fonte Ufficio Stampa Olimpia)  – L’Olimpia parte deconcentrata. Va avanti 5-0 e 9-4, ma sbaglia tanti tiri aperti (0 su 4 da tre), è afflitta da palle perse (sei) e rimbalzi non controllati (otto) che consentono a Brindisi di godere di numerosi possessi supplementari.

La conseguenza è che prima Brindisi si ricongiunge e poi mette la testa avanti due volte, con Sneed e poi Bartley chiudendo il primo periodo avanti 14-13. Da meno tre, un parziale di 9-0 aperto da due canestri ravvicinati di Mirotic e concluso da cinque punti di fila di Bortolani, l’Olimpia ribalta la partita anche senza prendere ritmo.

Il vantaggio tocca i sette punti su una tripla di Ricci. Brindisi risponde con Laszewski mentre Milano continua a non avere ritmo.

E’ nel finale del secondo periodo che si sblocca con tre possessi consecutivi in cui segnano Shields dall’angolo, Napier con una tripla frontale e ancora Napier prendendo fallo. Il nuovo break è di 8-0 e all’intervallo l’Olimpia si trova a più 11, 36-25.
Giordano Bortolani

L’Olimpia prova subito ad allungare nel terzo quarto. Melli sistema le cose a rimbalzo quindi il lavoro della difesa è premiato. Il vantaggio schizza a 15 punti, poi Caruso e Hall lo estendono a 16.

Approfittando di un momento di confusione di Milano, Brindisi si riavvicina tornando a meno 13.

Coach Sakota si mette a zona usando quattro esterni e Laszewski da centro nominale. L’Olimpia buca la zona con due triple di fila, una di Mirotic e la seconda di Tonut, ma ne centra due anche Sneed, usato da 4.

Così il vantaggio resta stabile, più 13 alla fine del terzo, 55-42. Voigtmann segna tutti i suoi dieci punti nel quarto periodo, tutti da sotto.

L’Olimpia non ha continuità ma conserva sempre un margine di tutta sicurezza. Finisce 69-55.
 

IL TABELLINO E GLI HIGHLIGHTS

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO – HAPPY CASA BRINDISI 69-55. (13-14, 23-11, 19-17, 14-13).

Olimpia Milano: Bortolani 5, Tonut 3, Melli 9 (12 reb), Napier 11, Ricci 3, Flaccadori 2, Hall 6, Caruso 4, Shields 5 (7 reb, 5 ast), Mirotic 9, Hines 2, Voigtmann 10 (7 reb). Coach Mesina.

Brindisi: Morris 10, Malaventura n.e, Laquintana 2, Sneed 17, Laszewski 10, Riismaa, Seck n.e, Lombardi, Bartley 3, Bayehe 10, Senglin 3. Coach Sakota .

GLI HIGHLIGHTS

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LBA, l'Olimpia usa tutti i 12 giocatori a referto e coglie la sesta vittoria consecutiva

MilanoToday è in caricamento