rotate-mobile
Lunedì, 22 Aprile 2024
Basket

LBA, l'Olimpia Milano presenta i tre colpi del mercato italiano

Daranno freschezza e profondità al roster di Coach Messina

Diego Flaccadori, Giordano Bortolani e Guglielmo Caruso sono i tre nuovi acquisti italiani dell'Olimpia Milano. Lo comunica il club attraverso il proprio sito ufficiale.

"Arrivati per darci freschezza e profondità - dice il general manager Christos Stavropoulo - Flaccadori ha già una buona esperienza alle spalle, Caruso ha grandi margini e Bortolani è un ragazzo del nostro settore giovanile per cui siamo doppiamente orgogliosi che sia con noi. La sua storia è un messaggio per tutti i ragazzi del nostro vivaio. Come ha detto Coach Messina e sottolineato anche Mirotic due giorni fa: quello che ci daranno in campionato ci aiuterà ad essere più preparati anche in EuroLeague".

Tutti e tre hanno esordito a Vigevano in amichevole, con risposte eccellenti. "Eravamo un po' tesi perché era la prima partita, è normale essere nervosi, ma si prova lo stesso a dare il massimo", dice proprio Bortolani.

DIEGO FLACCADORI

"Il basket è un gioco di errori, vince chi sbaglia meno. Devi giocare cercando di fare le scelte giuste e non preoccuparti se, sbagliando, dovessi tornare in panchina. Succederà sicuramente. Nessun giocatore sarà mai completamente soddisfatto di quello che è, per questo si cerca di migliorare. Nel 2018 mi è dispiaciuto non poter giocare la finale scudetto quando ero a Trento, ma ho scelto l'Olimpia anche perché vorrei vincere e spero di farlo presto. Più passa il tempo e più avverti questo desiderio. Ho già assaporato l'EuroLeague, forse a Monaco ci sono andato troppo presto, ma non vedevo l'ora di tornare in questa centrifuga. Un minuto o trenta devi sempre dare tutto, mi rendo conto che dirlo è un conto e farlo un'altra cosa". Diego Flaccadori: "Più vai avanti con gli anni e più avverti il bisogno di vincere"

WILLIE CARUSO

"Il Coach mi ha detto di non pensare ad un solo ruolo. Giocherò nella posizione che mi indicherà, 4 o 5 va bene tutto. Sono qui per migliorare. Ho subito aperto il quaderno e cominciato a prendere appunti, guardando Melli e Ricci in Nazionale, qui Hines e Poythress. Quando mi ha chiamato l'Olimpia ho pensato ad un sogno. Certi giocatori li vedevo in televisione e per me era già incredibile giocarci contro, figuriamoci avere come compagni di squadra gente di quel livello, come Mirotic. L'esperienza in Nazionale è stata perfetta: certo, a quel punto avrei preferito andare al Mondiale, sarebbe stato fantastico, ma l'allenatore fa le sue scelte ed è giusto rispettarle. Non ho recriminazioni. Nella sfortuna ho avuto la possibilità di venire subito a Milano e ascoltare lo staff tecnico, lavorare subito con l'Olimpia".
Willie Caruso: "Avrei voluto andare ai Mondiali, ma è giusto che il Coach abbia fatto la sua scelta, la rispetto"

GIORDANO BORTOLANI

"Sì, è raro che un ragazzo delle giovanili arrivi in prima squadra per questo per me è già una soddisfazione esserci. Ho fatto un po' di esperienza, tre anni in A2, poi la Serie A, la Spagna. Sono tutte stagioni che mi sono servite, ma mi rendo conto che qui è un'altra cosa, l'Olimpia è diversa. Io sono qui per dare il massimo, so che devo migliorare molto in difesa mentre in attacco mi considero un giocatore versatile. Spero di aiutare, di essere sempre pronto: ci sono tante partite e dopo un errore puoi sempre rifarti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LBA, l'Olimpia Milano presenta i tre colpi del mercato italiano

MilanoToday è in caricamento