rotate-mobile
Basket

Milano lotta con orgoglio ma il finale in volata premia Torino

Non bastano ai Wildcats le buone prove di Amato (18 con 9 assist) e del duo in vernice Lupusor-Beverly (31 punti combinati): cronaca e tabellino

Una partita orgogliosa e battagliera non basta alla Wegreenit Urania Milano, al Pala Gianni Asti vince Torino, 94-91. Sfida equilibrata che la Reale Mutua intasca dopo un finale vibrante, decisivi per i piemontesi Pepe e Kennedy, non bastano ai Wildcats le buone prove di Amato (18 con 9 assist) e del duo in vernice Lupusor-Beverly (31 punti combinati).

LA PARTITA

Inizio con ritmo lento, qualche errore da entrambe le partite poi Milano mette la freccia con Lupusor e Amato, 3-4. Torino cerca con insistenza Thomas, Wegreenit ancora avanti grazie ad una nuova zampata di Lupusor, 7-10. Fiammata gialloblu sull’asse De Vico-Vencato, gara ancora in equilibrio con Amato che tiene i Wildcats al comando, 13-14.

Altra tripla, questa volta di Severini in transizione, per un’Urania che difende con efficacia, capitan Piunti chiude l’area colorata, un appoggio dell’ex di turno Landi vale il più 4, 16-20. Buon lavoro anche a rimbalzo dei rossoblu, due squilli di Potts regalano il massimo vantaggio agli ospiti, 19-26 alla prima sirena. Bonacini spreca tre liberi preziosi per aumentare il margine milanese, immediata la punizione di Schina e Poser per il meno 4, 23-27.

Un paio di giocate d’autore di Amato e Montano sigillano un altro mini strappo degli ospiti, arriva sino alla doppia cifra la fuga della truppa di coach Villa, altro botto di Montano per il 26-36. Reazione gialloblu in chiusura di seconda frazione, la pericolosità perimetrale di Pepe un fattore nel recupero dei padroni di casa, 38-41. Urania si affida ai muscoli di Beverly ed alle invenzioni di Amato, c’è un solo possesso tra le due squadre all’intervallo, 50-53.

Dopo la pausa lunga la Reale Mutua sorpassa con Poser, più aggressivi gli uomini di coach Ciani, altro sigillo del lungo di Torino per il 58-56. Milano non molla il colpo sfruttando i colpi dall’arco di Amato, Beverly con un morbido tiro dai 5 metri rimette di nuovo la freccia, 60-61. Perimetro ancora generoso per i rossoblu, timbri di Landi, torna a 6 il margine della Wegreenit, 63-69.

Il finale di quarto prima dell’intervallo è dei piemontesi complice anche il secondo antisportivo di Landi, 69-71 alla pausa lunga. Si riaccende Pepe che scalda anche il Pala Gianni Asti, battaglia vera con Montano che risponde all’esterno gialloblu, 75-75.

Torino che aumenta i giri del motore difensivo, Kennedy e De Vico lanciano i padroni di casa, 81-75.

Regge l’urto Urania che lancia la volata con Lupusor e Potts da tre, 83-81 con 3.30 sul cronometro. Milano spreca un paio di chance per impattare con Potts ed Amato, un controverso fallo in attacco di Lupusor cambia definitivamente l’inerzia della gara. Vencato e Pepe mettono i punti decisivi, l’ultimo assalto è di Lupusor e Severini, di De Vico i liberi della staffa, 94-91. 

IL TABELLINO

Reale Mutua Torino - Wegreenit Urania Milano 94-91 (19-26, 31-27, 21-20, 23-18)

Reale Mutua Torino: Keondre Kennedy 17 (6/8, 0/1), Simone Pepe 17 (3/5, 3/5), Federico Poser 13 (6/10, 0/0), Matteo Schina 12 (4/4, 0/1), Luca Vencato 11 (4/7, 0/2), Donte Thomas 9 (3/7, 1/3), Niccolo De vico 9 (3/5, 0/0), Marco Cusin 5 (2/4, 0/0), Matteo Ghirlanda 1 (0/0, 0/0), Kesmor Osatwna 0 (0/0, 0/0), Gianluca Fea 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 20 / 26 - Rimbalzi: 31 5 + 26 (Federico Poser, Donte Thomas 7) - Assist: 16 (Luca Vencato 5)

Wegreenit Urania Milano: Andrea Amato 18 (4/7, 3/7), Gerald Beverly 17 (5/8, 0/1), Ion Lupusor 14 (4/5, 2/5), Giddy Potts 11 (1/3, 3/10), Matteo Montano 10 (2/3, 2/3), Aristide Landi 9 (1/1, 2/3), Giovanni Severini 8 (1/2, 2/4), Giorgio Piunti 3 (1/2, 0/1), Davide Bonacini 1 (0/1, 0/0), Theo Anchisi 0 (0/0, 0/0), Matteo Cavallero 0 (0/0, 0/0), Samuele Solimeno 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 11 / 17 - Rimbalzi: 27 6 + 21 (Gerald Beverly, Ion Lupusor, Giddy Potts 5) - Assist: 18 (Andrea Amato 9)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano lotta con orgoglio ma il finale in volata premia Torino

MilanoToday è in caricamento