rotate-mobile
Basket

La corsa dell'Olimpia si ferma a Brescia

L'Armani Exchange impatta contro la Germani, arrivata all'undicesima vittoria consecutiva. E la Virtus aggancia la squadra di Messina al primo posto in classifica

La striscia di Brescia si allunga, diventa di 11 vittorie. Questa volta la difesa dell’Olimpia Milano non riesce a contenere le due stelle dell’attacco avversario, Mitrou-Long e Della Valle combinano per  oltre 40 punti e sfruttando l’apporto di Petrucelli nel primo tempo, in certi momenti della gara di Moore e Gabriel, anche Laquintana portano la Germani alla vittoria 82-74. L’Olimpia non ha avuto continuità in attacco, anche nei momenti in cui sembrava potesse risalire o capovolgere la partita, mentre la difesa è stata al di sotto degli standard abituali anche per i meriti avversari.

Brescia-Milano, la gara

Brescia parte indemoniata, corre, spinge, aggredisce i rimbalzi. L’Olimpia è un po’ ferma, sbaglia i suoi tiri, scivola sotto 6-0 e Coach Messina spende il primo timeout dopo poco più di due minuti. Al rientro, gradualmente, l’Olimpia sale di tono in difesa e anche nell’esecuzione dei giochi, con Mitoglou e Melli insieme. Dopo un contropiede con cui Delaney manda a canestro Melli, il divario si riduce a due punti. Una tripla di Rodriguez in transizione consegna a Milano il primo vantaggio sul 13-12. Brescia però finisce meglio il periodo con due jumper di Laquintana e Gabriel chiudendo avanti sul 17-15. Brescia prova subito ad allungare con due triple di Lee Moore e un antisportivo fischiato a Rodriguez. Improvvisamente, il vantaggio esplode a nove punti. Milano riparte con una tripla di Shields, ma non trova costanza in attacco, non riesce a procurarsi viaggi in lunetta (11-1 la differenza a metà gara). Il divario tocca i 12 punti ripetutamente, poi anche i 13 su una tripla dall’angolo di John Petrucelli, grande protagonista del primo tempo. Un gioco da tre punti di Kyle Hines e una palla rubata da Rodriguez sembrano restituire inerzia all’Olimpia sul finre del secondo periodo. Invece una palla persa da una parte e un canestro di Gabriel sulla sirena, a rimbalzo, riportano Brescia a più 10, 41-31.

L’Olimpia esegue con maggiore attenzione all’inizio del terzo, ma non riesce ad avvicinarsi granché perché Mitrou-Long con cue prodezze la tiene a distanza. Poi una tripla di Della Valle su un gioco rotto e una palla persa ripristinano il massimo vantaggio di 13 punti a favore di Brescia con immediato timeout di Coach Messina. Milano risponde con un jumper di Melli e due triple consecutive di Rodriguez e Shields, ritornando a meno sei. Della Valle strappa il terzo fallo a Melli, poi completa un gioco da quattro punti e restituisce a Brescia i 10 di vantaggio. Delaney e Datome con due jumper dalla media ricuciono a meno sei. Brescia si affida alle sue star. Della Valle e Mitrou-Long con due triple consecutive provano a spaccare la partita, ma l’Olimpia replica entrambe le volte, prima con Delaney poi con Hall. Alla fine del terzo, è 64-58 Brescia. Una tripla di Datome riduce il deficit di Milano a quattro punti. Ma ancora arrivano due triple devastanti, una di Gabriel un’altra di Mitrou-Long a frustrare la rimonta dell’Olimpia, ricacciandola a meno 10. Mitoglou a rimbalzo, Melli con una palla rubata, poi Delaney dalla media per l’ennesima volta accorciano a meno sei a metà del periodo. Ma dal timeout di Coach Magro Brescia esce più lucida. Due tiri liberi li segna Laquintana, Della Valle carica una tripla e il vantaggio schizza di nuovo a 11 punti. Delaney su uno scarico di Hines prova a guidare l’ultimo assalto, ma l’Olimpia sbaglia anche tre tiri liberi nel momento della rimonta. Brescia chiude 82-74 (olimpiamilano.com).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La corsa dell'Olimpia si ferma a Brescia

MilanoToday è in caricamento