Sport

Berlusconi: “Pirlo resta con noi” E ora il gran colpo per l’attacco

Il Milan toglie Andrea Pirlo dal mercato: "Resterà con noi e finirà la sua carriera al Milan" ha detto il Presidente Berlusconi. Il premier ha anche annunciato di aver dato disposizione e fondi a Galliani per l'acquisto di un attaccante forte "da affiancare alla pattuglia già in squadra"

Andrea Pirlo viene tolto dal mercato, resterà con noi e finirà la sua carriera nel Milan” lo ha detto il presidente Berlusconi al termine del suo incontro a Milanello con Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan.

“Sapete che il nostro Andrea Pirlo é stato richiesto dal Chelsea con una proposta economica di livello. Abbiamo parlato anche con il giocatore e abbiamo ritenuto di accogliere la richiesta di Leonardo di tenere Pirlo” ha spiegato il presidente del consiglio, ribadendo la fiducia totale della società nei confronti dell’allenatore.

Ma il calciomercato per il Milan non è certo finito: ora ci vuole l’attaccante, il goleador giusto per una squadra di livello come lo sono i rossoneri. “La società” ha detto Berlusconi “ha messo a disposizione i fondi necessari affinché Galliani possa da subito acquistare un grande goleador da affiancare alla pattuglia di attaccanti che già sono in squadra”.

Il premier ne ha approfittato anche per affondare il coltello con il Real Madrid, che gli ha soffiato Kakà sborsando una cifra esorbitante: questo tipo di investimenti “sono addirittura un sacrilegio in un momento come questo e non hanno niente a che vedere con l'andamento dell'economia”.

A quelli poi che nell’ultimo periodo lo hanno accusato di non voler spendere o di voler vendere il Milan, il presidente del Consiglio ribadisce che “da questa squadra ho avuto molte soddisfazioni e con me anche i tifosi. Ora qualcuno reclama ma sono episodi assolutamente isolati”. Dopotutto il patron del Milan è il presidente di una squadra di calcio che ha vinto di più nella storia.

Infine una bacchettata anche ai giornalisti sportivi: “Qualche volta va ricordata una regola fondamentale del giornalismo sportivo . I tifosi leggono solo gli articoli sulla propria squadra, e vogliono avere conferme, non critiche. Se qualcuno continua a criticare troppo va a finire che i tifosi non lo leggono più e smettono anche di comprare quei giornali dove appaiono articoli per cui, dopo averli letti, bisogna fare gli scongiuri” ha detto Berlusconi, chiudendo la sua conferenza stampa fiume.


Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Berlusconi: “Pirlo resta con noi” E ora il gran colpo per l’attacco

MilanoToday è in caricamento