rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Sport

Berlusconi: vittoria "buon auspicio" ma non premia perchè "non avevo la cravatta"

Il Milan batte, ai rigori, la Juventus nella partita del trofeo Berlusconi. Il Presidente: "La vittoria è un buon auspicio". Soddisfatto anche per la posizione di Ronaldinho che "deve giocare là dove può fare cose straordinarie". Ma a fine gara Berlusconi non premia la sua squadra perchè: "Nono avevo la cravatta"

Una tiepida soddisfazione è stata espressa ieri sera del Presidente Berlusconi lasciando il Meazza dove aveva appena assistito alla vittoria del suo Milan sulla Juventus.

La vittoria, "seppure ai rigori" sulla Juventus, ha detto Berlusconi, è un "buon auspicio" per la stagione. Alla premiazione del Trofeo Berlusconi invece il Presidente non ha voluto partecipare perchè, ha detto, "Non avevo la cravatta". L'abbigliamento dunque non consono alla circostanza era un completo scuro con una camicia a quadrettini celesti con il colletto sbottonato.

Andando via il Presidente ha ribadito però i suoi consigli a Leonardo sulla posizione di Ronaldinho: "Deve giocare là dove può fare cose straordinarie - ha detto - magie dentro l'area di rigore e quindi può essere foriero di molti falli per noi dal limite, di calci di rigore o di numeri strepitosi: stasera ne ha fatti due".

"Quello che ci eravamo detti prima della partita - ha sottolineato il patron del Milan - è stato tradotto in realtà. Quello che il Milan deve sempre praticare, scendere in campo, padrone del campo, padrone del gioco, per puntare alla vittoria. Il Milan questa sera era nello spirito giusto, che è lo spirito che è proprio del Milan".

Ecco il tabellino della gara:

Milan batte Juve 6-5 dopo i calci di rigore (1-1 dopo tempi regolamentari) e vince il Trofeo Berlusconi.

Milan (4-3-1-2): Storari 6, Zambrotta 5.5, Nesta 6, Thiago Silva 6.5, Jankulovski 5 (25' st Antonini sv), Gattuso 5.5 (1' st Abate 6.5), Pirlo 6.5, Flamini 5.5, Ronaldinho 6, Pato 6.5 (33' st Inzaghi 5.5), Huntelaar 6 (14' st Borriello 5.5) (31 Roma, 19 Favalli, 14 Onyewu). All.: Leonardo 6.5.

Juventus (4-3-1-2): Buffon 6, De Ceglie 5.5 (1' st Molinaro 6), Cannavaro 6.5, Legrottaglie 6, Grygera 5.5 (14' st Zebina 6), Marchisio 6, Felipe Melo 5.5, Salihamidzic 5.5 (38' st Polsen 6), Diego 6.5 (27' st Yago sv), Iaquinta 5.5 (1' st Amauri 6), Trezeguet 4. (13 Manninger, 23 Ariaudo). All.: Ferrara 6.

Arbitro: Orsato 7.

Reti: nel pt 28' Diego; nel st 24' Pato. Angoli: 5-4 per Juventus. Recupero: 0' e 4'. Ammoniti: Legrottaglie per gioco falloso. Spettatori: 41.906. ** I GOL: - 28' pt: Diego quasi dal vertice destro dell'area lascia partire un tiro deviato da Thiago Silva su cui non può fare più nulla Storari. - 25' st: Abate crossa dalla destra per Pato che, lasciato solo, di testa supera Buffon. Questa la seguenza dei rigori: Yago (J) parato Pirlo (M) gol Trezeguet (J) gol Ronaldinho (M) gol Melo (J) gol Borriello (M) gol Marchisio (J) gol Inzaghi (M) gol Amauri (J) gol Thiago Silva (M) gol.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Berlusconi: vittoria "buon auspicio" ma non premia perchè "non avevo la cravatta"

MilanoToday è in caricamento