Calcio

CONFERENZA MILAN | Parla Zlatan Ibrahimovic: "Il prossimo allenatore sarà Fonseca. Conte non era adatto a noi"

L'ex attaccante ha parlato della prossima stagione sportiva e del suo ruolo nel club

Dopo tanta attesa, in casa Milan è tempo di parlare della nuova stagione e ad inaugurarla ufficialmente ci ha pensato Zlatan Ibrahimovic, senior advisor di RedBird per i rossoneri.

L'ex attaccante ha parlato della prossima stagione sportiva con tutti i giornalisti presenti.

Ecco i momenti salienti:

Cosa vuoi portare di te nel Milan?

"Dopo 6 mesi ho già i capelli grigi, si lavora. Dopo il mio ritiro dal calcio c'è un'altra libertà, nella vita, di fare le cose; sono stato lontano dai miei figli per tanto tempo. Poi mi è arrivata una chiamata da Furlani, mi ha detto di venire a Milanello per fare un saluto; da lì è stato un 'vediamo', non sapevo cosa sarebbe successo, tutto in amicizia. Ero pronto per giocare, l'avevo detto anche a mister Pioli.


Da lì in poi siamo andati avanti, ho incontrato Cardinale, abbiamo parlato solo io e lui, un meeting di qualche ora, in cui lui mi ha chiesto sulla vita, cosa voglio fare, della mia vita e mi ha chiesto di tornare nel Milan essendo operative partner in Red Bird. Con Gerry sono stato chiaro: se devo entrare nel Milan, deve essere un progetto vincente; chi conosce la mia mentalità sa che io non accetto perdere, non che non mi piace perdere, ma non lo accetto. Voglio vincere e vincerò. Gerry mi ha risposto: 'Benvenuto'. Da lì siamo partiti.

Qual è il tuo ruolo?

"Sono operating partner di Red Bird, la mia responsabilità è nel Milan, lavoro con Furlani e Moncada. Sono coinvolto su tutto: Milanello, Casa Milan e Vismara. Ma non è un one man show: tutti hanno responsabilità."

Sei ottimista?
"Sono molto ottimista, molto positiva. I dirigenti sono giovani, hanno tanta fame, vogliono fare la differenza. Noi abbiamo un piano che stiamo seguendo: non è che perdendo una partita si va in panico. È tutto sotto controllo e stiamo seguendo la nostra strategia. Il futuro è positivo. Non ci sono obiettivi personali: tutti lavoriamo per il Milan. Ma non è solo per parlare, non voglio fare promesse, andare davanti alla telecamera per fami vedere e blablabla: voglio dimostrare, si lavora tutti i giorni, anche nel silenzio; non siamo un podcast o un talk show, anzi: il silenzio a volte è più pericoloso".

Chi sarà il prossimo allenatore?

Il nuovo allenatore sarà Paulo Fonseca. Abbiamo studiato bene, abbiamo messo i criteri su cosa cerchiamo e cosa vogliamo. Lo abbiamo scelto per portare la sua identità nei giocatori che abbiamo, per come vogliamo che giochi la squadra, con un gioco dominante e offensivo; con tutto il rispetto per Pioli, volevamo portare qualcosa di nuovo ai giocatori. Abbiamo studiato come allena, come gioca, come prepara le partite. Vogliamo portare qualcosa di nuovo anche a San Siro: dopo 5 anni serviva qualcosa di nuovo. Fonseca è l'uomo giusto. Siamo molto fiduciosi e ci crediamo tanto".

Zirkzee?

"Zirkzee è forte, non è un segreto, ha potenzialità e ha fatto una grande stagione. Ciò che gira è realtà. Mi assomiglia? Non mi piace paragonare un giocatore. Lui gioca a me, arriva da scuola Olanda”.

Perché non Conte?
"Prima abbiamo studiato il tipo di allenatore e l'approccio nel suo gioco. È uscito Paulo Fonseca e ci abbiamo parlato faccia a faccia. Così lo senti, hai un feeling; lui è molto ambizioso, ha tanta voglia di lavorare, di fare bene e di migliorare. Nel Milan c'è un allenatore, non un manager. Con Conte non abbiamo discusso perché i criteri che abbiamo messo noi, con tutto il rispetto per lui, non c'era in lui quello che cercavamo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CONFERENZA MILAN | Parla Zlatan Ibrahimovic: "Il prossimo allenatore sarà Fonseca. Conte non era adatto a noi"
MilanoToday è in caricamento